Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - Greenland e Ghiacciai Artici
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

Greenland e Ghiacciai Artici
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Viva le dolomiti
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 27/08/18 20:12
Messaggi: 12871
Residenza: Roveleto di Cadeo (PC)

MessaggioInviato: Sun Nov 18, 2018 10:00 am    Oggetto: Rispondi citando




Interessante l'accumolo sulla costa atlantica groenlandese


Top
Profilo Invia messaggio privato
Viva le dolomiti
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 27/08/18 20:12
Messaggi: 12871
Residenza: Roveleto di Cadeo (PC)

MessaggioInviato: Wed Nov 21, 2018 6:54 pm    Oggetto: Rispondi citando




Questo si che è un accumulo interessante (è di ieri)


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Tue Dec 29, 2020 4:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

..' Un team di ricercatori capisce di più sullo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia. Hanno scoperto un flusso di rocce calde, noto come pennacchio del mantello, che sale dal confine nucleo-mantello sotto la Groenlandia centrale che scioglie il ghiaccio dal basso.

I risultati del loro studio in due parti sono stati pubblicati sul Journal of Geophysical Research.

"La conoscenza del pennacchio della Groenlandia rafforzerà la nostra comprensione delle attività vulcaniche in queste regioni e il problema problematico dell'innalzamento del livello del mare globale causato dallo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia", ha affermato il dott. Genti Toyokuni, coautore degli studi.

La regione del Nord Atlantico è inondata di attività geotermica. L'Islanda e Jan Mayen contengono vulcani attivi con i loro distinti pennacchi di mantello, mentre le Svalbard, un arcipelago norvegese nell'Oceano Artico, sono un'area geotermica. Tuttavia, l'origine di queste attività e la loro interconnessione è stata in gran parte inesplorata.

Il team di ricerca ha scoperto che il pennacchio della Groenlandia saliva dal confine del mantello centrale alla zona di transizione del mantello sotto la Groenlandia. Il pennacchio ha anche due rami nel mantello inferiore che alimentano altri pennacchi nella regione, fornendo calore alle regioni attive in Islanda e Jan Mayen e all'area geotermica delle Svalbard. '..

http://www.tohoku.ac.jp/en/press/greenland_plume_drive_thermal_activities.html


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Fri Jan 08, 2021 12:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

..' I cambiamenti nella temperatura dell'aria e nel ghiaccio marino (estensione, volume e stagionalità) sono alla base dei cambiamenti nell'ambiente artico.

In un anno di molti estremi, l'anomalia SAT annuale (da ottobre a settembre) verso il polo di 60 ° N è stata di 1,9 ° C sopra la media 1981-2010 ed è stata la seconda più alta mai registrata almeno dal 1900.

Questo segna il 9 ° dell'ultimo 10 anni in cui le anomalie SAT erano almeno 1 ° C più calde della media 1981-2010.

A guidare questo estremo annuale sono state condizioni eccezionalmente calde in gran parte dell'Artico euroasiatico per la maggior parte dei primi sette mesi del 2020 e durante l'estate nel bacino artico centrale.

Questi estremi della temperatura dell'aria hanno contribuito e in parte sono stati causati da estremi nel ghiaccio marino artico.

La perdita di ghiaccio marino nella primavera del 2020 è stata particolarmente precoce nelle regioni del Mar della Siberia orientale e del Mare di Laptev.

Durante giugno, l'estensione del ghiaccio nel mare di Laptev è scesa a livelli record per quel periodo dell'anno. Più in generale, gli estremi dell'estensione del ghiaccio marino sia invernale che estivo hanno continuato a diminuire. Nel 2020, l'estensione di fine inverno è stata l'undicesima più bassa nel record satellitare di 42 anni e l'estensione di fine estate è stata la seconda più bassa, il 2012 è stato l'anno minimo record.

Lo spessore del ghiaccio marino derivato dal satellite (disponibile solo dal 2010) ha mostrato che sia il massimo invernale che il minimo della tarda estate sono vicini al più basso nel decennio dall'inizio della raccolta dei dati.

L'ambiente artico terrestre è molto sensibile alla temperatura dell'aria a diverse scale temporali, specialmente durante la primavera e l'autunno.

Il manto nevoso (o la sua mancanza) esercita un forte controllo sulle condizioni meteorologiche e climatiche, nonché sull'ecosistema più ampio, attraverso la riflessione dell'energia solare in entrata e il suo effetto isolante sulla capacità del terreno di guadagnare o perdere calore.

L'accumulo di neve durante l'inverno 2019/20 è stato superiore alla norma in tutto l'Artico. Tuttavia, l'eccezionale calore primaverile attraverso l'Artico euroasiatico ha provocato la più bassa estensione del manto nevoso di giugno in questa regione dall'inizio del record di osservazione nel 1967.

L'estensione del manto nevoso artico di maggio durante il periodo 1981-2020 sta diminuendo a un tasso del 3,7% per decennio, con un tasso di perdita molto più elevato (15% per decennio) per giugno nello stesso periodo.

La variabilità della stagionalità del manto nevoso è un controllo importante sull'attività degli incendi boschivi nelle alte latitudini settentrionali. Gli incendi artici si verificano principalmente, anche se non esclusivamente, nella foresta boreale (Taiga), il più grande bioma terrestre del mondo.

In questa regione gli incendi sono molto variabili nello spazio e nel tempo, guidati dall'essiccazione sub-stagionale del carburante per settimane e controllati dal clima.

L'aumento delle tendenze della temperatura dell'aria e della disponibilità di carburante rispetto al record di 41 anni (1979-2019) suggerisce che le condizioni stanno diventando più favorevoli per la crescita degli incendi, con combustione più intensa, più episodi di crescita del fuoco e maggiore consumo di combustibili. Gli incendi estremi del 2020 nella Repubblica di Sakha offrono un altro esempio dell'impatto delle temperature estreme primaverili ed estive nell'Artico eurasiatico.

La produttività della tundra (cioè il verde) è sensibile alla temperatura dell'aria estiva ma in modi complessi, con altri fattori che giocano un ruolo significativo, come le caratteristiche e i tempi del ritiro della neve primaverile. In Nord America, la produttività della tundra per la stagione di crescita del 2019 ha registrato un forte rimbalzo rispetto all'anno precedente, in tandem con il caldo estivo record dopo la fredda estate del 2018.

Dal 2016, le tendenze della greenness hanno subito forti divergenze per continente; Il picco di verde estivo è diminuito drasticamente in Nord America, ma è rimasto al di sopra della media a lungo termine in Eurasia. (Si noti che, a differenza di altri segni vitali dell'ARC, l'analisi della vegetazione della tundra basata su satellite è in ritardo di un anno rispetto ad altri saggi a causa dei vincoli di elaborazione dei dati. Vedere ARC2019 per i dettagli sulle temperature dell'aria in superficie durante il 2019.)

Le temperature della superficie oceanica (SST) nell'Artico durante la primavera e l'estate sono fortemente legate alla presenza o assenza di ghiaccio marino, nonché alle correnti oceaniche e ai parametri atmosferici. Le SST medie di agosto 2020 erano ~ 1-3 ° C più calde della media di agosto 1982-2010 sulla maggior parte dell'Oceano Artico. SST eccezionalmente calde nei mari di Laptev e Kara hanno contraddistinto gli SST dell'agosto 2020, in coincidenza con la precoce perdita di ghiaccio marino in questa regione.

La forte variabilità interannuale nei modelli spaziali di SST ha una stretta relazione con le concentrazioni di ghiaccio marino all'inizio dell'estate perché le regioni di bassa area di ghiaccio marino consentono un riscaldamento solare più diretto delle acque superficiali esposte.

Le SST medie di agosto mostrano tendenze di riscaldamento statisticamente significative per il periodo 1982-2020 nella maggior parte delle regioni dell'Oceano Artico prive di ghiaccio ad agosto. Anche la produttività alla base della rete alimentare marina è legata alle condizioni del ghiaccio marino e della temperatura dell'oceano.

Durante luglio e agosto 2020, una regione lunga ~ 600 km nel mare di Laptev nell'Artico eurasiatico ha mostrato una produttività primaria molto più elevata (~ 2 volte superiore a luglio e ~ 6 volte superiore ad agosto) rispetto agli stessi mesi del pluriennale 2003-2019 media.

Le temperature dell'aria, le tempeste, il ghiaccio marino e le condizioni dell'oceano sono i fattori principali dell'erosione costiera del permafrost. Le coste del permafrost nell'Artico costituiscono più del 30% delle coste della Terra. Un'alta percentuale di residenti nell'Artico vive nella zona costiera, dove si stanno espandendo anche le presenze industriali, commerciali, turistiche e militari.

Dall'inizio degli anni 2000, l'erosione delle coste del permafrost nell'Artico è aumentata in quasi tutti i siti di osservazione in cui sono disponibili dati che risalgono a circa il 1960 o il 1980. Le coste del permafrost lungo gli Stati Uniti e il Mare di Beaufort canadese hanno registrato il maggiore aumento dei tassi di erosione, che vanno dal +80 al + 160%, confrontando i dati degli anni '80 e 2000 con gli anni '10.

La calotta glaciale della Groenlandia è il più grande residuo dell'emisfero settentrionale della glaciazione del Pleistocene, e contiene abbastanza acqua per aumentare il livello globale del mare di 7,4 metri.

L'elevata variabilità regionale di temperature, albedo e perdita di ghiaccio ha caratterizzato la stagione 2019/20 in tutta la calotta glaciale della Groenlandia. Nel complesso, tra settembre 2019 e giugno 2020, la calotta glaciale ha registrato una perdita di ghiaccio maggiore rispetto alla media 1981-2010 ma inferiore alla perdita record 2018/19. Anche i ghiacciai e le calotte di ghiaccio al di fuori della Groenlandia hanno continuato una tendenza alla perdita di ghiaccio significativa, dominata in gran parte dalla perdita di ghiaccio dall'Alaska e dal Canada artico.

Come esempio dell'impatto delle mutevoli condizioni sui mammiferi marini, ARC2020 include un saggio sulle balene della prua, una delle megafaune iconiche dell'Artico e l'unica "vera" specie di fanoni artici, con una gamma limitata al ghiacciato sub-artico e artico acque. Sono stati una risorsa fondamentale per le popolazioni indigene costiere dall'Estremo Oriente russo alla Groenlandia per millenni.

Quasi cacciate fino all'estinzione dalla caccia commerciale alle balene nel XIX e XX secolo, si ritiene che le popolazioni nell'Artico del Pacifico e nella regione del Canada orientale / Groenlandia occidentale siano ora tornate ai livelli dell'inizio del XIX secolo. La dimensione della popolazione delle bowheads nell'Artico del Pacifico è aumentata negli ultimi 30 anni, probabilmente a causa dell'aumento della produzione primaria oceanica e del trasporto verso nord dello zooplancton di cui si nutrono.

Le osservazioni sono la spina dorsale dell'indagine scientifica. Sebbene il telerilevamento fornisca dati vitali su larga scala, molti parametri importanti possono essere raccolti solo in loco. Per quasi mezzo secolo, il Barrow Observatory della NOAA, appena a nord-est di Utqiaġvik, in Alaska, ha osservato l'atmosfera e il sistema terrestre da quello che doveva essere un edificio temporaneo.

Dopo anni di pianificazione, nel 2020 è stata aperta una nuova struttura, che consente all'Osservatorio di continuare il lavoro esistente e offre una maggiore collaborazione con altri ricercatori. Il periodo 2019/20 ha anche portato il più grande sforzo di ricerca internazionale condotto nella banchisa artica in più di 20 anni, il Multidisciplinary drifting Observatory for the Study of Arctic Climate (MOSAiC).

Incentrato sulla raccolta di dati per migliorare la comprensione dei processi fisici che si verificano alle alte latitudini,

Il 2020 segna il 15 ° anno dell'ARC. Nel 2006 era chiaro che l'Artico stava cambiando. Tuttavia, la complessità del cambiamento era meno compresa e la rapidità del cambiamento che si sarebbe verificata in pochi anni, evidenziata dall'estensione (allora) record del ghiaccio marino di settembre 2007, era imprevista.

Di concerto, un'analisi dei prodotti di dati utilizzati per supportare l'ARC nel corso dei suoi 15 anni, insieme a un portale di dati ARC personalizzato di nuova concezione, rivela che l'evoluzione degli strumenti e dei dati disponibili ha migliorato la qualità e l'accessibilità delle osservazioni. Un altro importante sviluppo degli ultimi 15 anni è il rafforzamento degli impegni a collaborare con le popolazioni indigene dell'Artico in modo che la loro integrazione, cumulativa.

Coerentemente con gli ARC del passato, i saggi di ARC2020 percorrono il tema della variabilità, sia nel tempo che nel luogo. Anche se a volte viene definita "la nuova normalità", in realtà la maggior parte delle parti del sistema ambientale artico continuano a cambiare molto rapidamente, con ogni ARC che fornisce un'istantanea di "dove sono le cose adesso". Come hanno chiaramente dimostrato gli ultimi 15 anni di ARC, l'Artico di ieri è diverso da oggi e l'Artico di oggi non è predittivo di domani. '..


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Fri Mar 05, 2021 6:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

https://rclutz.files.wordpress.com/2021/03/arcmarch2021-047-to-063.gif


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Wed Mar 24, 2021 6:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

https://ice-glaces.ec.gc.ca/prods/MODISCOM-T/20210322000000_MODISCOM-T_0011509303.jpg


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5858
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Thu Mar 25, 2021 12:56 am    Oggetto: Rispondi citando

https://twitter.com/Kenneth72712993/status/1372999763432443910/photo/1

New study:

SW Greenland July temps are 4-5°C "at present".

From 8000-5000 yrs ago, when CO2 levels were ~265 ppm, this region's "optimal" July temps were 10-12°C (5-8°C warmer than today).

It's colder now than nearly anytime in the last 10,000 years.


https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/bor.12514


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Thu May 06, 2021 11:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

https://rclutz.files.wordpress.com/2021/05/arcapr2021-107-to-120.gif


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Wed May 12, 2021 2:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Prima decade di maggio 2021 , estensione nevosa per il nord Emisfero , e ghiacciai Artici e Groenlandesi

https://ice-glaces.ec.gc.ca/prods/MODISCOM-T/20210510000000_MODISCOM-T_0011578085.jpg


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3595
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Wed May 19, 2021 12:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

https://rclutz.files.wordpress.com/2021/05/arcday135-2007-to-2021.gif


Top
Profilo Invia messaggio privato
GiulianoPhoto
Forumista senior


Registrato: 29/04/09 19:10
Messaggi: 5960
Residenza: Reano[450m][TO]

MessaggioInviato: Fri May 21, 2021 7:58 am    Oggetto: Rispondi citando

Artico davvero in super crisi... sarà l'anno peggiore di sempre? per ora si



Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5858
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri May 21, 2021 8:39 am    Oggetto: Rispondi citando

GiulianoPhoto ha scritto:
Artico davvero in super crisi... sarà l'anno peggiore di sempre? per ora si


Per ora NO


ad un'analisi (chissà perchè devo farla io visto che ne sarebbero capaci tutti). si vede che l'estensione che mostri è maggiore del 2020 del 2019 del 2018 del 2017 del 2016 del 2015 e del 2014.

Allego il grafico, dalla solita fonte:



https://it.climateimpactnews.com/evidence/arctic-ice-status

l'estensione 2021 è maggiore anche rispetto al 2011 2006 e 2004


Top
Profilo Invia messaggio privato
Viva le dolomiti
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 27/08/18 20:12
Messaggi: 12871
Residenza: Roveleto di Cadeo (PC)

MessaggioInviato: Fri May 21, 2021 10:43 am    Oggetto: Rispondi citando

GiulianoPhoto ha scritto:
Artico davvero in super crisi... sarà l'anno peggiore di sempre? per ora si


Per nulla

Il rosso è quest'anno


Top
Profilo Invia messaggio privato
monte capanne
Forumista senior


Registrato: 09/01/13 18:33
Messaggi: 7237
Residenza: CAMPO NELL'ELBA

MessaggioInviato: Fri May 21, 2021 11:01 am    Oggetto: Rispondi citando

Viva le dolomiti ha scritto:
GiulianoPhoto ha scritto:
Artico davvero in super crisi... sarà l'anno peggiore di sempre? per ora si


Per nulla

Il rosso è quest'anno
per ora negli ultimi 15 anni è uno dei migliori


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5858
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri May 21, 2021 11:46 am    Oggetto: Rispondi citando

monte capanne ha scritto:
per ora negli ultimi 15 anni è uno dei migliori

no degli ultimi 8 anni, cioè dal 2014. Poi ci sono anche 2004, 2006 e 2011 che hanno avuto un estensione minore di quella del 2021.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 5 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it