Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - GW: una realtà accertata! Ma quanto sappiamo su effetti e conseguenze?
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

GW: una realtà accertata! Ma quanto sappiamo su effetti e conseguenze?
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 77, 78, 79 ... 85, 86, 87  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Thu Feb 25, 2021 6:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

https://www.repubblica.it/green-and-blue/2021/02/24/news/europa_il_clima_che_cambia_fa_danni_per_12_miliardi_all_anno_l_ue_vara_nuova_strategia-289012081/?rss&ref=twha

Mi pare che i dati siano interpretati a proprio piacimento dall'UE.

Quante bugie dobbiamo sorbirci ancora? Si è capito si che ci siamo rotti gli zebedei?



Top
Profilo Invia messaggio privato
airsnow
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 27/03/20 11:55
Messaggi: 6606
Residenza: Novara

MessaggioInviato: Thu Feb 25, 2021 7:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
https://www.repubblica.it/green-and-blue/2021/02/24/news/europa_il_clima_che_cambia_fa_danni_per_12_miliardi_all_anno_l_ue_vara_nuova_strategia-289012081/?rss&ref=twha

Mi pare che i dati siano interpretati a proprio piacimento dall'UE.

Quante bugie dobbiamo sorbirci ancora? Si è capito si che ci siamo rotti gli zebedei?


Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Thu Feb 25, 2021 8:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?


Top
Profilo Invia messaggio privato
Tein80



Registrato: 31/05/14 20:53
Messaggi: 1980
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Thu Feb 25, 2021 11:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?



Perché invece di mettere il rapporto perdite/pil globale non si mette il valore assoluto delle perdite? E' chiaro che se il pil negli anni è aumentato anche se le perdite fossero rimasti costanti, il rapporto sarebbe diminuito.


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2420
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 9:58 am    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?


il discorso non è così banale.
Oggi abbiamo mezzi che in passato non avevamo.
i modelli meteorologici sono in grado di prevedere eventi estremi con buona precisione e, nel corso degli anni ci sono stati anche forti interventi per la prevenzione di questi eventi.

Basti pensare ai cicloni tropicali, in passato erano scarsamente prevedibili, adesso la loro traiettoria può essere prevista fino a qualche giorno prima e questo permette di evacuare e mettere in relativa sicurezza ampie zone.

Inoltre segnalo anche, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, si è osservato un aumento dei fenomeni estremi climatici che è passato da 3656 nel ventennio 1980-1999 a 6681 del ventennio 2000-2019.

fonte:https://reliefweb.int/report/world/human-cost-disasters-overview-last-20-years-2000-2019#:~:text=In%20the%20period%202000%20to,over%20the%20previous%20twenty%20years.

e anche secondo il NOAA, i danni dei fenomeni estremi


[img][/img]



fonte:https://www.climate.gov/news-features/blogs/beyond-data/2020-us-billion-dollar-weather-and-climate-disasters-historical#:~:text=in%20fourth%20place.-,NOAA%20image%20by%20NCEI.,of%20which%20are%20new%20records.&text=NOAA%20Climate.gov%20image%2C%20based%20on%20NCEI%20data.




L'ultima modifica di the hurricane il Fri Feb 26, 2021 10:02 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
gemi65
***SUPER FORUMISTA TOP***


Registrato: 09/11/11 12:31
Messaggi: 34956
Residenza: Treia-Macerata

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 10:01 am    Oggetto: Rispondi citando

Ognuno ha le sue fonti.
Cool


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 10:12 am    Oggetto: Rispondi citando

Tein80 ha scritto:
Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?



Perché invece di mettere il rapporto perdite/pil globale non si mette il valore assoluto delle perdite? E' chiaro che se il pil negli anni è aumentato anche se le perdite fossero rimasti costanti, il rapporto sarebbe diminuito.


Perchè le perdite economiche debbono essere normalizzate: se infatti vi è più ricchezza le perdite sono maggiori.



Nella tabella sopra si è utilizzato il prodotto lordo dell’economia mondiale espresso in trilioni di US$ (fonte: World GDP over the last two millennia ). La media del periodo 2000-2019 è praticamente raddoppiata rispetto a quella del 1981-1999, passando da 46.9 a 93.3 trilioni (+99%), per cui le perdite economiche normalizzate al periodo 1981-1999 si sono ridotte del 9%.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 10:19 am    Oggetto: Rispondi citando

the hurricane ha scritto:


Inoltre segnalo anche, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, si è osservato un aumento dei fenomeni estremi climatici che è passato da 3656 nel ventennio 1980-1999 a 6681 del ventennio 2000-2019.

fonte:https://reliefweb.int/report/world/human-cost-disasters-overview-last-20-years-2000-2019#:~:text=In%20the%20period%202000%20to,over%20the%20previous%20twenty%20years.

Il numero dipende da:

- maggiori capacità di monitoraggio (una volta molti fenomeni accadevano senza che ce ne accorgessimo mentre oggi con satelliti, cellulari, ecc. si documenta assai meglio il tutto). Tale problematica è peraltro da tempo nota agli esperti, come chiaramente evidenziato dal giornalista scientifico Andrew C. Revkin in un post del 2009
https://dotearth.blogs.nytimes.com/2009/02/23/gore-pulls-slide-of-disaster-trends/

-aumento della popolazione e dei beni esposti, non solo perché determina la necessità di rinormalizzare i danni umani ed economici, come dianzi fatto, ma perché spinge ad incrementare ulteriormente il numero di disastri segnalati (se un’alluvione ha luogo in una landa totalmente disabitata è altamente improbabile che la stessa venga segnalata).


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2420
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 10:48 am    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
the hurricane ha scritto:


Inoltre segnalo anche, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, si è osservato un aumento dei fenomeni estremi climatici che è passato da 3656 nel ventennio 1980-1999 a 6681 del ventennio 2000-2019.

fonte:https://reliefweb.int/report/world/human-cost-disasters-overview-last-20-years-2000-2019#:~:text=In%20the%20period%202000%20to,over%20the%20previous%20twenty%20years.

Il numero dipende da:

- maggiori capacità di monitoraggio (una volta molti fenomeni accadevano senza che ce ne accorgessimo mentre oggi con satelliti, cellulari, ecc. si documenta assai meglio il tutto). Tale problematica è peraltro da tempo nota agli esperti, come chiaramente evidenziato dal giornalista scientifico Andrew C. Revkin in un post del 2009
https://dotearth.blogs.nytimes.com/2009/02/23/gore-pulls-slide-of-disaster-trends/

-aumento della popolazione e dei beni esposti, non solo perché determina la necessità di rinormalizzare i danni umani ed economici, come dianzi fatto, ma perché spinge ad incrementare ulteriormente il numero di disastri segnalati (se un’alluvione ha luogo in una landa totalmente disabitata è altamente improbabile che la stessa venga segnalata).


senza dubbio, però è falso dire che non ci sia stato un aumento dei fenomeni e che le proiezioni sono state sbagliate.
Poi ovvio che se una nazione cresce economicamente, i danni in proporzioni possono diminuire, però quello è un discorso economico, non climatologico.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Tein80



Registrato: 31/05/14 20:53
Messaggi: 1980
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 11:27 am    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
Tein80 ha scritto:
Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?



Perché invece di mettere il rapporto perdite/pil globale non si mette il valore assoluto delle perdite? E' chiaro che se il pil negli anni è aumentato anche se le perdite fossero rimasti costanti, il rapporto sarebbe diminuito.


Perchè le perdite economiche debbono essere normalizzate: se infatti vi è più ricchezza le perdite sono maggiori.



Nella tabella sopra si è utilizzato il prodotto lordo dell’economia mondiale espresso in trilioni di US$ (fonte: World GDP over the last two millennia ). La media del periodo 2000-2019 è praticamente raddoppiata rispetto a quella del 1981-1999, passando da 46.9 a 93.3 trilioni (+99%), per cui le perdite economiche normalizzate al periodo 1981-1999 si sono ridotte del 9%.



Quindi da questa tabella si conferma che sono aumentati i disastri e sono aumentati i costi relativi ai disastri. Quindi è vero che al GW è collegato un aumento dei disastri (mi pareva tu lo definissi un pericolo finto...).
Nella tabella quello che manca però sono i costi sostenuti per evitare i disastri, e non mi pare una mancanza da poco; esempio molto semplice in provincia di Vicenza hanno costruito un bacino di laminazione per regolare le piene del fiume Bacchiglione, che ogni volta esondava a Vicenza creando danni e non pochi; opera costata milioni di euro che effettivamente nelle ultime piene è servita per evitare danni nella città di Vicenza. Ma se in tutto questo io non tengo conto del costo sostenuto per la messa in sicurezza ovviamente il conto è sbagliato.
Altra cosa: qui si considera il PIL mondiale, contando quindi anche paesi che hanno PIL che aumenta ogni quasi del 10%, come India e Cina (che messe insieme fanno quasi 3 miliardi di abitanti...) . Ma probabilmente se prendiamo in considerazione solo i paesi più industrializzati, compresa l'Italia, che hanno aumenti di PIL di pochi punti percentuali (se non meno..), ecco che probabilmente l'aumento dei costi legato ad avvenimenti atmosferici avversi probabilmente incide in maniera maggiore sul PIL...e se consideriamo anche i soldi spesi per interventi di messa in sicurezza, probabilmente nei paesi industrializzati il conto sarebbe ancora più rosso.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 1:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

the hurricane ha scritto:
Alessandro(Foiano) ha scritto:
the hurricane ha scritto:


Inoltre segnalo anche, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, si è osservato un aumento dei fenomeni estremi climatici che è passato da 3656 nel ventennio 1980-1999 a 6681 del ventennio 2000-2019.

fonte:https://reliefweb.int/report/world/human-cost-disasters-overview-last-20-years-2000-2019#:~:text=In%20the%20period%202000%20to,over%20the%20previous%20twenty%20years.

Il numero dipende da:

- maggiori capacità di monitoraggio (una volta molti fenomeni accadevano senza che ce ne accorgessimo mentre oggi con satelliti, cellulari, ecc. si documenta assai meglio il tutto). Tale problematica è peraltro da tempo nota agli esperti, come chiaramente evidenziato dal giornalista scientifico Andrew C. Revkin in un post del 2009
https://dotearth.blogs.nytimes.com/2009/02/23/gore-pulls-slide-of-disaster-trends/

-aumento della popolazione e dei beni esposti, non solo perché determina la necessità di rinormalizzare i danni umani ed economici, come dianzi fatto, ma perché spinge ad incrementare ulteriormente il numero di disastri segnalati (se un’alluvione ha luogo in una landa totalmente disabitata è altamente improbabile che la stessa venga segnalata).


senza dubbio, però è falso dire che non ci sia stato un aumento dei fenomeni e che le proiezioni sono state sbagliate.
Poi ovvio che se una nazione cresce economicamente, i danni in proporzioni possono diminuire, però quello è un discorso economico, non climatologico.


è dubbio dire che ci sia stato

se si parla di miliardi di danni come nei grafici che hai postato non si parla di economia? Shocked


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 1:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tein80 ha scritto:

Quindi da questa tabella si conferma che sono aumentati i disastri e sono aumentati i costi relativi ai disastri. Quindi è vero che al GW è collegato un aumento dei disastri (mi pareva tu lo definissi un pericolo finto...).


- è aumentato il monitoraggio dei disastri non perchè ce ne siano di più.
- è aumentata la popolazione e quindi anche il numero di segnalazioni.

Tein80 ha scritto:

Nella tabella quello che manca però sono i costi sostenuti per evitare i disastri, e non mi pare una mancanza da poco; esempio molto semplice in provincia di Vicenza hanno costruito un bacino di laminazione per regolare le piene del fiume Bacchiglione, che ogni volta esondava a Vicenza creando danni e non pochi; opera costata milioni di euro che effettivamente nelle ultime piene è servita per evitare danni nella città di Vicenza. Ma se in tutto questo io non tengo conto del costo sostenuto per la messa in sicurezza ovviamente il conto è sbagliato.


I costi di prevenzione devono essere presi in considerazione sia quelli negativi che quelli positivi, ma ci sono sempre stati anche nel passato e credo 50 anni fa costavano più in termini di tempi di lavoro o tecnologia utilizzata.

Tein80 ha scritto:

Altra cosa: qui si considera il PIL mondiale, contando quindi anche paesi che hanno PIL che aumenta ogni quasi del 10%, come India e Cina (che messe insieme fanno quasi 3 miliardi di abitanti...) . Ma probabilmente se prendiamo in considerazione solo i paesi più industrializzati, compresa l'Italia, che hanno aumenti di PIL di pochi punti percentuali (se non meno..), ecco che probabilmente l'aumento dei costi legato ad avvenimenti atmosferici avversi probabilmente incide in maniera maggiore sul PIL...e se consideriamo anche i soldi spesi per interventi di messa in sicurezza, probabilmente nei paesi industrializzati il conto sarebbe ancora più rosso.


il GW è globale, non locale.


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2420
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 2:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?


continuo a pensare che tu abbia problemi seri con l'italiano.

finchè ti viene permesso...

ti è stato mostrato che:

1) gli eventi sono più frequenti nelle zone abitate (per diversi motivi)
2) i danni sono complessivamente in aumento

Casomai è in decrescita l'impatto di questi danni sull'economia delle Nazioni visto l'aumento del GDP.

Se poi si vuole sempre ribaltare la frittata è un altro discorso. Ma i dati sono questi.
e tra l'altro è una polemica sterile a mio avviso.

Se l'Europa investisse soldi in opere per mettere in sicurezza aree a rischio idrogeologico e mitigare eventi estremi cosa ci sarebbe di male?
Viene sempre detto che è importante la prevenzione di eventi estremi.
Ben vengano opere di questo tipo (a mio avviso).


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alessandro(Foiano)
Forumista senior


Registrato: 10/04/20 11:42
Messaggi: 5152
Residenza: Valdichiana

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 6:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

the hurricane ha scritto:
Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?


continuo a pensare che tu abbia problemi seri con l'italiano.

finchè ti viene permesso...

ti è stato mostrato che:

1) gli eventi sono più frequenti nelle zone abitate (per diversi motivi)
2) i danni sono complessivamente in aumento

Casomai è in decrescita l'impatto di questi danni sull'economia delle Nazioni visto l'aumento del GDP.

Se poi si vuole sempre ribaltare la frittata è un altro discorso. Ma i dati sono questi.
e tra l'altro è una polemica sterile a mio avviso.

Se l'Europa investisse soldi in opere per mettere in sicurezza aree a rischio idrogeologico e mitigare eventi estremi cosa ci sarebbe di male?
Viene sempre detto che è importante la prevenzione di eventi estremi.
Ben vengano opere di questo tipo (a mio avviso).




Sei tu che mi pare hai problemi di comprensione verso chi ti mostra un punto di vista differente, quindi a parer mio hai gli stessi problemi di italiano.

i danni in quel grafico sono calcolate in erdite economiche e in vite umane perse e stanno diminuendo.

Questo grazie alla prevenzione con opere che sono sempre state fatte non è come stai scrivendo che il mondo (o l'Europa) su tali opere non ha già investito(hai scritto "se si investisse" come se non si fosse già fatto).



Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2420
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Feb 26, 2021 7:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alessandro(Foiano) ha scritto:
the hurricane ha scritto:
Alessandro(Foiano) ha scritto:
airsnow ha scritto:

Ma hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo ? Nel 2070 i danni potrebbero arrivare a 170 miliardi secondo le proiezioni degli scienziati, inoltre si punterà a creare modelli di rischio climatico per ogni attività così da ottimizzare la pianificazione urbana e territoriale.


si certo le solite proiezioni, siamo in GW e i danni stanno diminuendo, lo hai visto il grafico dei danni reali archiviati o ti sei fermato alle fantasie delle proiezioni?


continuo a pensare che tu abbia problemi seri con l'italiano.

finchè ti viene permesso...

ti è stato mostrato che:

1) gli eventi sono più frequenti nelle zone abitate (per diversi motivi)
2) i danni sono complessivamente in aumento

Casomai è in decrescita l'impatto di questi danni sull'economia delle Nazioni visto l'aumento del GDP.

Se poi si vuole sempre ribaltare la frittata è un altro discorso. Ma i dati sono questi.
e tra l'altro è una polemica sterile a mio avviso.

Se l'Europa investisse soldi in opere per mettere in sicurezza aree a rischio idrogeologico e mitigare eventi estremi cosa ci sarebbe di male?
Viene sempre detto che è importante la prevenzione di eventi estremi.
Ben vengano opere di questo tipo (a mio avviso).




Sei tu che mi pare hai problemi di comprensione verso chi ti mostra un punto di vista differente, quindi a parer mio hai gli stessi problemi di italiano.

i danni in quel grafico sono calcolate in erdite economiche e in vite umane perse e stanno diminuendo.

Questo grazie alla prevenzione con opere che sono sempre state fatte non è come stai scrivendo che il mondo (o l'Europa) su tali opere non ha già investito(hai scritto "se si investisse" come se non si fosse già fatto).



le perdite economiche sono passate da 1.63 miliardi a 2.97 miliardi.
Se per te è una diminuzione, buon per te.

Per farti un'analogia che capirebbe anche un bambino delle elementari.
Il tuo datore di lavoro ti aumenta lo stipendio di 200euro.
Il tuo padrone di casa ti aumenta l'affitto di 100euro.

Il tuo affitto è diminuito o è aumentato?

Senza contare che non capisco la tua polemica per investimenti europei in un settore cruciale.
che siano in aumento o per i cambiamenti climatici e/o l'espansione antropica in zone in passato poco sviluppate è utile investire per minimizzare l'impatto di eventi estremi.
Per cui la tua critica è sbagliata a priori.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 77, 78, 79 ... 85, 86, 87  Successivo
Pagina 78 di 87

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it