Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - La Piccola Era Glaciale
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

La Piccola Era Glaciale
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Bill Carson



Registrato: 16/08/17 11:29
Messaggi: 291
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sat Nov 21, 2020 10:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


Top
Profilo Invia messaggio privato
Bill Carson



Registrato: 16/08/17 11:29
Messaggi: 291
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sat Nov 21, 2020 10:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

E proprio a proposito della sua periodizzazione, in realtà non c'è uniformità di vedute sul suo inizio. C'è generalmente accordo sulla sua fine, intorno al 1850, mentre per l'inizio c'è chi la sistema all'inizio del 1300 (con gli anni piovosissimi intorno al 1315) e chi invece la fa iniziare alla fine del '500 (che, insieme al '600, è indubbiamente uno dei periodi più freddi della storia europea).


Top
Profilo Invia messaggio privato
setra85



Registrato: 09/08/20 19:44
Messaggi: 98
Residenza: pozza di fassa

MessaggioInviato: Sat Nov 21, 2020 11:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste


Top
Profilo Invia messaggio privato
Bill Carson



Registrato: 16/08/17 11:29
Messaggi: 291
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sat Nov 21, 2020 11:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste

Ci sono però periodi di maggiore stabilità, come ad esempio il periodo caldo medioevale durato all'incirca dall'800 al 1200, in cui le ondate di freddo e caldo erano meno frequenti ed estreme.
Se tu hai un clima in cui hai vent'anni di inverni freddi in cui (per esempio) il Tamigi congela una volta ogni tre anni, seguiti da dieci anni di inverni atlantici con temperature mitissime e continue tempeste di vento, hai un esempio di clima assolutamente incostante.


Top
Profilo Invia messaggio privato
setra85



Registrato: 09/08/20 19:44
Messaggi: 98
Residenza: pozza di fassa

MessaggioInviato: Sat Nov 21, 2020 11:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Bill Carson ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste

Ci sono però periodi di maggiore stabilità, come ad esempio il periodo caldo medioevale durato all'incirca dall'800 al 1200, in cui le ondate di freddo e caldo erano meno frequenti ed estreme.
Se tu hai un clima in cui hai vent'anni di inverni freddi in cui (per esempio) il Tamigi congela una volta ogni tre anni, seguiti da dieci anni di inverni atlantici con temperature mitissime e continue tempeste di vento, hai un esempio di clima assolutamente incostante.


a scanso di equivoci ma personalmente credo che i dati proxy sul paleoclima non riescano a illustrare singolarmente anche momenti con ondate di freddo o caldo più o meno frequenti
queste informazioni le si può trovare negli annali ma restano pur sempre delle osservazioni viste con un occhio e senso di chi le ha scritte
se un palermitano lo metti a belluno in dicembre questo ti dirà che ha visitato un posto preso d'assalto dal gelo quando il locale gira in camicia con maniche arrotolate


Top
Profilo Invia messaggio privato
Occhionero Fabio



Registrato: 21/01/20 15:35
Messaggi: 144
Residenza: Termoli CB

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 9:06 am    Oggetto: Rispondi citando

setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste

Ci sono però periodi di maggiore stabilità, come ad esempio il periodo caldo medioevale durato all'incirca dall'800 al 1200, in cui le ondate di freddo e caldo erano meno frequenti ed estreme.
Se tu hai un clima in cui hai vent'anni di inverni freddi in cui (per esempio) il Tamigi congela una volta ogni tre anni, seguiti da dieci anni di inverni atlantici con temperature mitissime e continue tempeste di vento, hai un esempio di clima assolutamente incostante.


a scanso di equivoci ma personalmente credo che i dati proxy sul paleoclima non riescano a illustrare singolarmente anche momenti con ondate di freddo o caldo più o meno frequenti
queste informazioni le si può trovare negli annali ma restano pur sempre delle osservazioni viste con un occhio e senso di chi le ha scritte
se un palermitano lo metti a belluno in dicembre questo ti dirà che ha visitato un posto preso d'assalto dal gelo quando il locale gira in camicia con maniche arrotolate

Buongiorno, concordo aggiungendo che più si va indietro nel tempo più le osservazioni vanno prese con il beneficio dell'inventario. A proposito proprio ieri sera su una rete nazionale una trasmissione parlava dei combustibili fossili e dell'era industriale tra il 1840-1850 in particolare con l'invenzione del treno e guarda caso il 1850 è l'estremo superiore dell'intervallo PEG.


Top
Profilo Invia messaggio privato
setra85



Registrato: 09/08/20 19:44
Messaggi: 98
Residenza: pozza di fassa

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 9:46 am    Oggetto: Rispondi citando

Occhionero Fabio ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste

Ci sono però periodi di maggiore stabilità, come ad esempio il periodo caldo medioevale durato all'incirca dall'800 al 1200, in cui le ondate di freddo e caldo erano meno frequenti ed estreme.
Se tu hai un clima in cui hai vent'anni di inverni freddi in cui (per esempio) il Tamigi congela una volta ogni tre anni, seguiti da dieci anni di inverni atlantici con temperature mitissime e continue tempeste di vento, hai un esempio di clima assolutamente incostante.


a scanso di equivoci ma personalmente credo che i dati proxy sul paleoclima non riescano a illustrare singolarmente anche momenti con ondate di freddo o caldo più o meno frequenti
queste informazioni le si può trovare negli annali ma restano pur sempre delle osservazioni viste con un occhio e senso di chi le ha scritte
se un palermitano lo metti a belluno in dicembre questo ti dirà che ha visitato un posto preso d'assalto dal gelo quando il locale gira in camicia con maniche arrotolate

Buongiorno, concordo aggiungendo che più si va indietro nel tempo più le osservazioni vanno prese con il beneficio dell'inventario. A proposito proprio ieri sera su una rete nazionale una trasmissione parlava dei combustibili fossili e dell'era industriale tra il 1840-1850 in particolare con l'invenzione del treno e guarda caso il 1850 è l'estremo superiore dell'intervallo PEG.


Anche questo "caso" a parer mio è un accostamento che trova il tempo che trova.....


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
*Forumista TOP*


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 15066
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 10:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Se continuate a parlare contemporaneamente di
meteorogia e climatologia, non ne uscirete mai fuori.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Bill Carson



Registrato: 16/08/17 11:29
Messaggi: 291
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 10:10 am    Oggetto: Rispondi citando

Occhionero Fabio ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
setra85 ha scritto:
Bill Carson ha scritto:
Ringrazio Robert per l'apertura del thread.
Confermo che non si tratta di bufala, la PEG (qualunque sia la periodizzazione che si usa) è stata raramente un periodo di gelo intenso e persistente, ma più che altro, se si guarda alla sua totalità e durata, un periodo di clima "impazzito", in certe occasioni certamente molto più freddo di oggi, in altre occasioni meno.

Segnalo in proposito un ottimo libro, credo oggi non più reperibile, di Brian Fagan, La rivoluzione del clima. Cito testualmente dalla prefazione:

"... Ma la Piccola Era Glaciale non fu affatto un gelo profondo. Occorre pensare piuttosto a un irregolare avvicendamento di rapidi spostamenti climatici, spinto da complesse e ancora non ben chiarite interazioni tra l'atmosfera e l'oceano. L'avvicendarsi portò cicli di inverni di freddo intenso e di venti orientali, con bruschi passaggi ad anni con pesanti precipitazioni in primavera e all'inizio dell'estate, inverni miti e frequenti tempeste nordatlantiche, oppure a periodi di siccità, leggeri venti mordorientali e ondate estive di calore che arroventavano i campi. La Piccola Era Glaciale fu un'interminabile sequenza di spostamenti climatici, pochi dei quali durarono più di un quarto di secolo. Il riscaldamento prolungato di oggi è un'anomalia."


non ho bene capito cosa significhi clima impazzito perchè se di impazzimento si parla si dà per certo una normalità o stabilità che sia
che in natura semplicemente non esiste

Ci sono però periodi di maggiore stabilità, come ad esempio il periodo caldo medioevale durato all'incirca dall'800 al 1200, in cui le ondate di freddo e caldo erano meno frequenti ed estreme.
Se tu hai un clima in cui hai vent'anni di inverni freddi in cui (per esempio) il Tamigi congela una volta ogni tre anni, seguiti da dieci anni di inverni atlantici con temperature mitissime e continue tempeste di vento, hai un esempio di clima assolutamente incostante.


a scanso di equivoci ma personalmente credo che i dati proxy sul paleoclima non riescano a illustrare singolarmente anche momenti con ondate di freddo o caldo più o meno frequenti
queste informazioni le si può trovare negli annali ma restano pur sempre delle osservazioni viste con un occhio e senso di chi le ha scritte
se un palermitano lo metti a belluno in dicembre questo ti dirà che ha visitato un posto preso d'assalto dal gelo quando il locale gira in camicia con maniche arrotolate

Buongiorno, concordo aggiungendo che più si va indietro nel tempo più le osservazioni vanno prese con il beneficio dell'inventario. A proposito proprio ieri sera su una rete nazionale una trasmissione parlava dei combustibili fossili e dell'era industriale tra il 1840-1850 in particolare con l'invenzione del treno e guarda caso il 1850 è l'estremo superiore dell'intervallo PEG.

Entro certi limiti sono d'accordo, ma ci sono anche osservazioni oggettive che si possono fare.

Se io so che in un certo anno più cronisti diversi sono concordi nel dire che (esempio) la Senna o il Po sono congelati per varie settimane, si può parlare senza molti dubbi di inverno molto più freddo del normale e soprattutto molto più freddo di oggi. E analogamente, se tante persone diverse parlano di fioriture degli alberi da frutto a febbraio c'è poco da fare, significa che si tratta di un inverno eccezionalmente mite. Per non parlare, ad esempio, delle osservazioni oggettive sull'avanzata o meno dei fronti dei ghiacciai.

La storia climatica non si fa solo con le impressioni soggettive di questo o quel cronista medievale. Ci sono certi requisiti in merito alla "robustezza" delle fonti.


Top
Profilo Invia messaggio privato
setra85



Registrato: 09/08/20 19:44
Messaggi: 98
Residenza: pozza di fassa

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 11:23 am    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
Se continuate a parlare contemporaneamente di
meteorogia e climatologia, non ne uscirete mai fuori.


Beh amico picchio se devo parlare di climatologia non sto parlando di un tubo perché si parla solo di tendenza...
Se devo parlare di meteorologia parlo di un evento concreto e circoscritto con un inizio e una fine e temporalmente datato e per questo amato dalle persone in quanto da un illusione di controllo su esso


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
*Forumista TOP*


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 15066
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 12:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

setra85 ha scritto:
picchio70 ha scritto:
Se continuate a parlare contemporaneamente di
meteorogia e climatologia, non ne uscirete mai fuori.


Beh amico picchio se devo parlare di climatologia non sto parlando di un tubo perché si parla solo di tendenza...
Se devo parlare di meteorologia parlo di un evento concreto e circoscritto con un inizio e una fine e temporalmente datato e per questo amato dalle persone in quanto da un illusione di controllo su esso

Ciao, non facevo riferimenti personali.
Ho letto di alcuni che dubitavano di quel periodo perché
condito di fasi anche calde o di una certa meraviglia per esse. Penso che bisognerebbe focalizzarsi
sul dato finale che viene fuori. Le annate prese singolarmente sono
meteotologia, il dato finale è climatologia.


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3399
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 12:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

La Climatologia si basa comunque su dati Meteorologici su long range ultra decennali .
Medie ultra secolari per delineare un trend climatico


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
*Forumista TOP*


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 15066
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 1:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

robert ha scritto:
La Climatologia si basa comunque su dati Meteorologici su long range ultra decennali .
Medie ultra secolari per delineare un trend climatico

Certo Robert, ne approfitto per complimentarmi.
Spero che il senso di quello che voglio intendere sia stato compreso,
nel caso mi scuso.


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3399
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 1:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
robert ha scritto:
La Climatologia si basa comunque su dati Meteorologici su long range ultra decennali .
Medie ultra secolari per delineare un trend climatico

Certo Robert, ne approfitto per complimentarmi.
Spero che il senso di quello che voglio intendere sia stato compreso,
nel caso mi scuso.


Ciao Picchio70 , figurati
il clima e' caotico , importanti sono i dati meteorologici su lunghi periodi ultra decennali per avere una ' visione ' piu ampia dell andamento climatico , la climatologia per l' appunto si basa sempre su dati meteorologici


Top
Profilo Invia messaggio privato
setra85



Registrato: 09/08/20 19:44
Messaggi: 98
Residenza: pozza di fassa

MessaggioInviato: Sun Nov 22, 2020 1:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
setra85 ha scritto:
picchio70 ha scritto:
Se continuate a parlare contemporaneamente di
meteorogia e climatologia, non ne uscirete mai fuori.


Beh amico picchio se devo parlare di climatologia non sto parlando di un tubo perché si parla solo di tendenza...
Se devo parlare di meteorologia parlo di un evento concreto e circoscritto con un inizio e una fine e temporalmente datato e per questo amato dalle persone in quanto da un illusione di controllo su esso

Ciao, non facevo riferimenti personali.
Ho letto di alcuni che dubitavano di quel periodo perché
condito di fasi anche calde o di una certa meraviglia per esse. Penso che bisognerebbe focalizzarsi
sul dato finale che viene fuori. Le annate prese singolarmente sono
meteotologia, il dato finale è climatologia.


Ciao !
Mi scuso se sono stato frainteso
Il mio non era un attacco..è solo il mio modo di spiegarmi che devo riconoscere è un po maccheronico
In quanto alla piccola era glaciale come ogni altro stadio o interstadio che sia li considero un insieme di un trend decennale e multi decennale


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 2 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it