Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La “Dry line”

Come si forma? Quali conseguenze porta? È frequente la sua osservazione in Italia?

Tutto temporali - 19 Maggio 2003, ore 12.00

Nonostante il suo nome inglese possa far passare questo fenomeno come una esclusiva delle grandi pianure americane, la “dry line” (che si può tradurre con “fronte di aria secca”) è piuttosto frequente anche in Italia, specialmente in Pianura Padana, ma in certi casi anche su altre regioni. Quando infatti sulle nostre teste transita un classico sistema frontale, vediamo passare dapprima il fronte caldo (che introduce aria relativamente mite ed umida) e solo successivamente il fronte freddo (seguito da aria fresca e moderatamente più secca); spesso però quest’ultimo ramo della perturbazione proviene dall’Atlantico, e quindi prima di arrivare a noi ha attraversato un oceano; di conseguenza la massa d’aria in arrivo presenta un’umidità relativa non troppo bassa. La morfologia della nostra Penisola inoltre permette spesso la formazione di veri e propri centri di bassa pressione sul Mar Ligure o l’alto Adriatico, e di conseguenza in un secondo tempo (quando ormai anche il fronte freddo è transitato da diverse ore) può attivarsi un richiamo di aria molto più secca da nord-est, ossia dai Paesi europei più lontani dal mare (come Polonia meridionale o Boemia). Il contrasto fra la massa d’aria fresca ed umida già presente sulle nostre regioni, con l’aria sempre fresca ma più secca proveniente dall’est europeo, può provocare la formazione di lunghe linee di instabilità associate a fenomeni temporaleschi; infatti l’aria secca è più pesante di quella umida (a parità di temperatura) perciò la prima deve in qualche modo scivolare verso il suolo, sollevando rapidamente la massa d’aria più umida e generando questa specie di fronte freddo secondario. Come si riconosce una dry line? Se in giornata ci sono già state manifestazioni temporalesche e la temperatura è calata, ma la visibilità non è migliorata, è possibile che sia transitato un normale fronte freddo atlantico; dopo poche ore allora si può in qualche caso osservare l’arrivo di nuovi temporali seguiti da aria molto più secca, cielo limpido e di un azzurro molto scuro (la dry line vera e propria).

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum