Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il rito del temporale

Scopriamo una delle caratteristiche peculiari di questo fenomeno.

Tutto temporali - 18 Agosto 2003, ore 07.40

Quante volte andando in montagna durante l’estate ci siamo trovati a convivere con un temporale, che magari si ripeteva tutti i giorni, sempre alla solita ora del pomeriggio? Quante volte abbiamo dovuto rinunciare per questo ai programmi già stilati da giorni, “mangiandoci le mani” vedendo che subito dopo il tramonto il cielo si rasserenava rapidamente? Tranquilli, non siete perseguitati dalla sfortuna più nera; siete solo incappati in uno dei fenomeni più classici della stagione calda, il temporale “di calore”. Tali manifestazioni sono frequenti proprio quando il sole riesce ad arroventare i fianchi delle montagne o delle colline, e quindi a partire dalla tarda primavera fino ad autunno inoltrato non possiamo che conviverci quasi quotidianamente; le coste generalmente si salvano, grazie anche all’azione della brezza. Purtroppo però non sempre tutto va così liscio; infatti se il vento in quota soffia forte, le nubi formatesi sui rilievi possono essere lentamente spinte proprio verso il litorale, dove di solito arrivano verso sera, quando il temporale ha perso molta energia e riesce a portare solo una debole pioggia. Ma gli acquazzoni normalmente si generano anche sl di sopra della superficie marina, magari con orari diversi; infatti la notte e la mattinata sono i momenti ideali per osservare un temporale in arrivo dal mare. D’altra parte dopo il tramonto il terreno si raffredda rapidamente, mentre il mare rimane relativamente caldo; di conseguenza l’energia necessaria a generare il temporale in tale contesto si concentra maggiormente sulla superficie marina, fino alla mattinata successiva quando il sole torna a scalare anche la terraferma. In definitiva si può stilare una sorta di “scaletta” di orari per i temporali; essa potrà tornarvi utile soprattutto se nel corso dell’estate vorrete visitare una città o avrete la possibilità di fare un’escursione in montagna.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum