Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gelo super negli USA, caldo estremo in Australia: l'anno inizia sotto il segno dei record

Canada e nord-est degli Stati Uniti si appestano a vivere una delle ondate di gelo e neve più severe degli ultimi anni. In Australia invece l'estate picchia duro e batte diversi record di caldo mai registrati prima.

Ti segnaliamo - 6 Gennaio 2014, ore 09.27

Un inizio d'anno da record. Basta solo mettere il naso fuori dal nostro Paese ed ecco che il tempo meteorologico inizia a stupire.

Due sono i fatti salienti di questi primissimi giorni del 2014: il primo è rivolto alla pesante ondata di gelo e neve che sta per colpire il nord-est dell'America settentrionale. Dopo un l'antipasto gelido dei giorni scorsi, ampiamente trattato dalla cronaca, al momento attenuatosi, scatterà nelle prossime ore la fase 2, quella più cruda.

Un nucleo di aria artica continentale si porterà con una serie di fronti freddi carichi di neve su Canada e nord-est degli Stati Uniti. Temperature persino inferiori a -30°C sono previste anche in grandi città come Edmonton, Quebec City, Ottawa e Montreal, oltre che nel North Dakota e in Minnesota.

Bufere di neve su tutto il settore, con coinvolgimento in particolare della zona dei Grandi Laghi, in particolare Chicago. Altra neve in vista anche per New York City, dove la colonnina di mercurio è prevista calare fino a -15°C. Fiocchi attesi anche a Washington, dove la Casa del Presidente diverrà davvero bianca.

Ma ecco ora il secondo fatto saliente di questo inizio 2014: l'intensa ondata di calore che sta investendo l'Australia. Partita dall'entroterra desertico australiano, l'ondata di calore ha ora investito il Nuovo Galles del Sud il Queensland, dove i termometri in alcune località sono arrivati a sfondare il muro dei +46°C +48°C.

Per ora non sono stati ancora battuti i record assoluti di caldo registrati nell'estate australe del 2013, tra i quali il picco di 50°C registrato nel cuore del deserto australiano. Il gran caldo continuerà comunque ad interessare vaste aree del territorio australiano anche nei prossimi giorni, specie nelle aree più interne continentali. Andrà meglio invece in prossimità delle coste, in particolare quelle meridionali, dove è previsto il transito di aria fresca accompagnata da possibilità di temporali.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum