Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Diminuisce l'evaporazione del suolo

Lo rivelano i risultati di uno studio, che ha accertato un rallentamento della traspirazione delle piante in alcuni settori dell'emisfero meridionale. Il fenomeno avrebbe preso il via con il super Nino del 1998 il quale comunque, non ne sarebbe la causa scatenante.

Ti segnaliamo - 10 Aprile 2012, ore 09.22

 In aria di global warming conclamato, nell'era dei fenomeni estremi dovuti al surplus di calore e umidità nell'atmosfera ecco spuntare ancora una volta un bella e propria sorpresa. Un'accreditato studio condotto da un gruppo di ricercatori del Max-Planck-Institut, dell'Istituto per le scienze atmosferiche per il clima svizzero, e della Princeton University e della Harvard University ha accertato che nell'ultimo decennio è sensibilmente diminuito il fenomeno dell'evapotraspirazione in alcuni settori dell'emisfero meridionale.

L'evapotraspirazione è un processo che riporta in atmosfera sotto forma di vapore acqueo l'acqua assorbita dalle piante e dai terreni, circa il 60% del totale, risultando così un processo chiave del sistema climatico globale. 

La maggior parte dei modelli di simulazione climatica avevano ipotizzato che con il riscaldamento globale dovesse aumentare progressivamente anche l'evapotraspirazione, ed effettivamente tra il 1982 al 1998 ciò è effettivamente avvenuto. A partire dal 1998 però, questo aumento dell'evopotraspirazione è drasticamente rallentato o si è addirittura fermato in diverse regioni del Pianeta, dove ampie superfici di terreno stanno rilasciando sempre meno acqua e umidità.

Le aree maggiormente interessate dal fenomeno descritto sono quelle dell'Africa meridionale, buona parte dell'Australia, del Sud America, le regioni centrali dell'India e alcune parti dell'Indonesia.

Essendo pochi gli anni a disposizione per le osservazioni, i ricercatori chiariscono comunque di non poter affermare con certezza se si tratti di una variabilità naturale o di un processo globale a più lungo termine. E' stato osservato che il rapido mutamento dei processi di evapotraspirazione nelle regioni suddette ha coinciso con il significativo evento di El Nino del 1998.

Anche in questo caso i ricercatori nutrono dubbi sul fatto che esso possa rappresentare la causa del fenomeno, il quale si sta protraendo ormai da più di un decennio. Interessante sarà completare lo studio negli anni a venire, quando saranno disponibili dati sufficienti da reinserire nei modelli di simulazione climatica per scoprire anche i meccanismi di questa nuova sorpresa della natura.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.14: A14 Ancona-Pescara

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Roseto Degli Abruzzi (Km. 344) e Atri-Pineto (Km. 351,8) in dir..…

h 01.10: A4 Torino-Milano

incidente

Incidente a Allacciamento Falchera-A5/Tangenziale To (Km. 2,2) in direzione Torino…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum