Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tendenza meteo lungo termine: media degli scenari per fine gennaio di tutti i modelli

Non sembra esserci alcun dubbio sull'evoluzione prevista nei prossimi 8-10 giorni: l'alta pressione farà muro nel Mediterraneo e le perturbazioni faranno la barba alle Alpi, scivolando verso i Balcani.

Tendenze lungo termine - 22 Gennaio 2016, ore 09.48

I tre principali modelli non sembrano divergere molto dalla linea di tendenza che vede l'anticiclone impegnato a tener sufficientemente lontane le perturbazioni atlantiche dal nostro Paese.

Tutti e tre sino a domenica 31 gennaio non vedono scossoni: corrente a getto poco ondulata, poche e veloci saccature, alte peraltro di latitudine, che traghetteranno parecchia nuvolosità a tratti ma con precipitazioni davvero modeste e concentrate semmai su alto Tirreno, Valpadana e zone alpine di confine. Tale previsione è piuttosto probabile, intorno al 60-70%.

Domenica 31 gennaio c'è un abbozzo maggiore nel prevedere una flessione nel campo sull'est europeo, sui Balcani e marginalmente anche lungo le nostre regioni nord-orientali e adriatiche, forse qualche nevicata interverrà sui settori alpini confinali altoatesini e le temperature subiranno un calo a nord delle Alpi e poi in Adriatico.

E' la massima concessione che l'anticiclone farà, almeno sino al 31 gennaio, alle correnti perturbate atlantiche.

Sia il modello canadese, che quello americano, dopo aver fatto intendere che ci sarebbero stati ampi margini per una nuova retrogressione fredda sull'Italia per la fine del mese, si sono accodati mestamente al modello europeo, che questa volta prima di loro, ha letto correttamente l'uscita forsennata dal Canada della jet stream (corrente a getto) e soprattutto valutato bene l'entità della rimonta dell'alta pressione in sede mediterranea.

Per la prima decade di febbraio la media degli scenari sembra invece più orientata a concedere maggiori penetrazioni delle correnti perturbate atlantiche, ma sempre da nord-ovest, cioè con coinvolgimento limitato ai versanti adriatici e senza una vera saccatura in grado di coinvolgere tutto il Paese con le sue preziose piogge e nevicate.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.18: A14 Bologna-Ancona

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli e Bologna Borgo Panigale (Km...…

h 03.15: A8 Milano-Varese

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Fiorenza-Allacciamento A4 (milano V.Le Certosa) e Barriera..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum