Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Catastrofismi alla tg4 (esima) potenza

Bella, grintosa, pacata, possibilmente terrorizzante la giornalista troppo di Fede

Striscia...la meteo - 24 Giugno 2003, ore 09.08

Il catastrofismo esoterico, la divinazione futuribile, la previsione astrologica quotidiana, il test erotico-consustanziale... la popolazione femminile, così di frequente elogiata per il suo pragmatico senso di praticità e realismo rispetto alla confusionaria impulsività maschile, indulge invece in una galleria di costumanze che traversando la dimensione domestica, lavorativa, amicale ed esistenzial-salutistica rendono la donna il veicolo primo di molte delle enfatizzazioni più esiziali in tema di meteorologia. Le conversazioni "da casco a casco" dalle parrucchiere, i dialoghi con la vicina di spinning, le consultazioni dell'oroscopo con le colleghe senza le quali la giornata lavorativa giammai potrebbe cominciare e ancora le miriadi di sciocchezze dalle riviste femminili, tra ricette, gossip, test erotici e inchieste sul burka, infarciscono una sottocultura strisciante (quella del cosiddetto comune sentire) di banalità uterine che alimentano la foga programmatrice e pessimistica tipica della natura femminile, antropologicamente stanziale a custodia della casa, mentre il maschio è fuori ad approvvigionarsi di cibo (ironia della sorte, sotto le intemperie). A questo non scampano le giornaliste, e soprattutto quelle della scuola del Tg più emotivo e nazionalpopolare, il Tg4, le quali sembrano non stare più nella pelle quando possono interpellare l'ennesimo esperto di meteorologia di turno, per strappargli con un cipiglio che intimorirebbe un generale d'armata le valutazioni più inquietanti e oscure sullo stato del tempo, della stagione, del pianeta, del sistema solare e infine della nostra stessa esistenza sull'orbe terracqueo. In particolare una giornalista, che con giusta dose di grinta gruberiana e di sguardo severo e inquisitorio inchioda lo sventurato esperto, ponendo domande sempre in forma retorica, nelle quali ossia la risposta viene già data per scontata: la più terribile ed epocale possibile. E via poi con il lancio della pausa pubblicitaria, dopo aver avvinto al video i telespettatori con le più paurose previsioni climatiche: picchi di caldo insopportabili, l'umidità poi, accentuerà del 30 e fino del 50% la sensazione di caldo, coprifuoco per anziani e bambini, avvelenamenti da ozono di massa nelle metropoli; lo sentite quel raschietto che avete alla gola? Ecco: sta già cominciando! E l'effetto serra, e ghiacciai che si sfaldano al sole con clamorosi tonfi nelle acque gelide, Venezia e milioni di chilometri di spiagge saranno sommerse! «Ce lo dica Colonnello che il clima è cambiato! Anch'io da piccola vedevo certe nevicate, e i ghiaccioli appesi alle grondaie, ora non si formano più, vuole proprio dire che le cose chissà dove stanno andando a parare; in fondo io ho una certa età! E domani li avremo questi tornado e uragani benedetti che travolgeranno metà delle nostre regioni e ingrosseranno i torrenti a farli diventare tante oscure e limacciose piaghe bibliche?». Questa professionista è spietata nel suo pacato ma inflessibile eloquio; non mancherà mai di restituirvi un quadro della situazione da rendere inutile anche il pensiero di migrare agli antipodi, tanto ormai è il pianeta tutto che sta correndo dritto verso l'annientamento. E così noi pochi disperati che ormai cerchiamo informazione nell'unico modo possibile oggi, ossia selezionando pazientemente le poche fonti libere e scientificamente corrette, tra parabole satellitari e reti internet, eccoci lì ormai tutti i giorni a dover calmare le mamme ultra settantenni, che alla fine non ce la fanno più e tra una forchettata e l'altra di tortellini sbottano in un rigurgito di certezza catartica: «L'avevo detto che ci saremmo andati a rovinare da soli e che il clima della Terra sta andando a rotoli, tutta colpa degli americani e di Bush che non accetta il protocollo di Kyoto. Quando io ero piccola certi temporali e certi caldi non venivano!». D'altra parte le previsioni sono cose di donne; già Calpurnia glielo aveva detto a Cesare di starsene a casa. Cara collega, in te vorremmo davvero avere un po' di fede, ma purtroppo sei tu che troppo hai Fede, addosso, troppo addosso, con l'occhietto vigile all'audience, e pronto a licenziare in tronco a destra e a manca se non si terrorizza abbastanza la casalinga di Voghera.

Autore : Corrado Sevardi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum