Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Uno sguardo verso la fine del mese: INVERNO sempre vicino

Il parziale intervento dell'anticiclone delle Azzorre verso le coste occidentali europee spingerà l'asse delle correnti perturbate atlantiche maggiormente ad est, favorendo sull'Italia l'inserimento di aria più fredda dai quadranti settentrionali.

Sotto la lente - 19 Gennaio 2014, ore 10.47

 Nulla è da dare per scontato, anche perchè, analizzando in via probabilistica gli scenari messi a disposizione dai modelli, si nota soprattutto una bassa predicibilità della situazione sul medio e lungo termine. Vogliamo comunque in questa sede approfondire quella che potrebbe essere la linea di tendenza più probabile, ovvero quella verso la quale, al momento, convergono il maggior numero di corse.

Fatto importante è la manovra che avverrà sul basso Atlantico a partire dal 23 gennaio, allorquando un promontorio anticiclonico delle Azzorre si spingerà fino alle porte della penisola Iberica. In quel modo gli assi delle saccature atlantiche, al momento diretti con asse quasi rettilineo dal Canada verso il Mediterraneo centrale, muteranno il loro assetto.

La traiettoria, non più rettilinea, assumerà una curva a parabola che li porterà sull'Italia accompagnati da correnti portanti di derivazione settentrionale. Ne consegue una rimanipolazione delle masse nuvolose, che potranno comunque elargire ulteriori spunti di tempo instabile, ma in un contesto gradualmente più freddo.

Il calo delle temperature non sarà lineare, ma spezzato in due mandate successive proprio a causa della pulsazione dell'anticiclone delle Azzorre. Orientativamente un primo rientro di aria fredda (moderato) potrebbe avvenire tra il 25 e il 26 gennaio, mentre una vera e propria irruzione di aria più fredda potrebbe concretizzarsi tra il 29 e il 31 gennaio.

In quei giorni, se tutto andrà liscio (rimarchiamo la bassa attendibilità degli scenari proposti da tutti i modelli a nostra disposizione) potremmo anche arrivare al dunque, con occasioni per alcune nevicate a bassa quota dapprima al centro-sud (25-26 gennaio), poi al nord (29-31 gennaio).

I prossimi aggiornamenti sapranno senz'altro mettere maggiormente a fuoco questo importante e delicato passaggio stagionale, fermo restando il fatto che, in ogni caso, si tratterà solo di una fase di normale inverno, senza alcuna svolta verso ondate di gelo di particolare severità.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum