Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un occhio di riguardo ai temporali di sabato sera al nord-est

Il fronte in transito nella giornata di oggi, troverà al nord-est condizioni favorevoli allo sviluppo di celle temporalesche anche intense, soprattutto nel pomeriggio-sera e sulle pianure più orientali, in particolare quella friulana.

Sotto la lente - 23 Agosto 2008, ore 09.33

Un debole fronte freddo sta attraversando il nord Italia da ovest verso est, mostrandosi più attivo sull’arco alpino centro-orientale, dove le correnti da sud-ovest stanno ammassando nubi foriere di rovesci sparsi, localmente anche intensi e a sfondo temporalesco. Nubi stratiformi, solo a tratti più dense, scorazzano sulla Pianura Padana in seno alle correnti occidentali delle quote medio-alte. Il soleggiamento è temporaneo, mentre sul Piemonte le schiarite si fanno sempre più ampie; col passare delle ore il sole avrà qualche spazio in più anche sulla Valpadana orientale. Pura illusione di un rapido miglioramento, perché già nel pomeriggio, con la progressione del fronte e l’avanzamento dietro di esso di aria più fresca e instabile, il tempo muterà bruscamente. Sotto vento alla catena alpina, in prossimità dell’alto Adriatico, a causa dell’ondulazione atmosferica provocata dal fronte in transito, si produrrà un piccolo minimo secondario, ma capace di attirare verso di sé una ventilazione meridionale alle basse quote, direttamente dal mare sulle pianure. L’aria fresca scavalcherà nel frattempo l’arco alpino, presentandosi come debole foehn su alto Piemonte e zona laghi; ma sulle pianure del nord-est dovrà confrontarsi con queste masse d’aria più calde e umide provenienti da sud sud-est. Il cocktail di fattori è pronto per sfornare una mesolinea temporalesca di tutto rispetto, che interesserà gran parte delle pianure orientali grosso modo dal Bresciano-Mantovano, fino al Friuli e alla Venezia Giulia. A seconda di quale massa d’aria giungerà prima sulla pianura, lì si svilupperanno i cumulonembi più imponenti e i relativi fenomeni più intensi. Non si può infatti escludere di vedere il sistema temporalesco formarsi molto più a sud e ad est, con interessamento dell’alta pianura romagnola e del Polesine, nonché dell’intero litorale veneto. A quel punto Bresciano, Mantovano e Veronese potrebbero rimanerne parzialmente fuori. Friuli Venezia Giulia comunque in prima linea, già dal pomeriggio, dove il contrasto delle masse d’aria sarà più forzato e la corrente a getto più tesa in quota. Tra la pianura veneta orientale e quella friulana ci attendiamo comunque i fenomeni temporaleschi più intensi, con colpi di vento, locali e brevi grandinate; ma non si escludono anche fenomeni vorticosi e violenti. Nel corso della sera il sistema si sposterà lentamente verso levante, garantendo un generale miglioramento a partire dal Veneto; ultimi tuoni che abbandoneranno il Friuli solo nelle prime ore della notte, quando l’ingresso delle correnti settentrionali e della Bora alle basse quote riporterà il sereno. Prudenza quindi negli spostamenti, ma anche nelle attività all’aperto, specie per coloro che frequentano il litorale e le spiagge.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum