Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

TUTTO sul PEGGIORAMENTO della prossima settimana!

Lati positivi e risvolti negativi di un CAMBIAMENTO che attendiamo ormai da troppo tempo.

Sotto la lente - 17 Gennaio 2007, ore 11.00

A quanto pare dagli ultimi aggiornamenti, giungono ulteriori conferme sul PEGGIORAMENTO atteso per la prossima settimana. Tuttavia rimangono incertezze sulla traiettoria dell'affondo freddo e necessita di conferme in quanto una traiettoria più Occidentale o Orientale di quanto previsto potrebbe cambiare completamente gli effetti sull'Italia e passare da una perturbazione invernale ad una di stampo più autunnale. A partire dalla giornata di DOMENICA l'anticiclone delle Azzorre sull'ovest del Continente, tenderà a disporsi rapidamente sui meridiani proiettando i suoi massimi sul nord Atlantico. Questo permetterà al Vortice Polare di pilotare un affondo freddo depressionario in direzione della Francia-Penisola Iberica, laddove giungerà il freddo e le nevicate a quote decisamente basse, con la formazione di un minimo al suolo sulle Baleari che attiverà flussi di umide correnti meridionali su gran parte della nostra Penisola determinando un aumento della nuvolosità su tutto il Versante Tirrenico, Sardegna e al Nord Italia con le prime deboli precipitazioni e moderate correnti da sud-ovest in quota. LUNEDI piogge sparse al nord e al centro e temperature ancora abbastanza miti, specie in quota, con NEVICATE sulle Alpi occidentali sopra i 1200m e 1400 su quelle orientali. Nubi compatte e deboli piogge sul medio e basso versante tirrenico; piuttosto mite in Appennino con neve sopra i 1800m. MARTEDI in seguito ad un forte calo dei geopotenziali in quota, è atteso un ulteriore peggioramento del tempo con un minimo depressionario in formazione sul Mar Ligure e una sensibile flessione termica in quota a partire dalle regioni nord-occidentali. Perturbato sulla Liguria e alto Tirreno, con abbondanti piogge e possibili temporali marittimi. Importanti accumuli su Lombardia, Triveneto e versante tirrenico e Sardegna. FORTI nevicate sulle Alpi occidentali a quote medie; limite più elevato sul settore alpino orientale e piuttosto alto in Appennino. Tra MARTEDI e GIOVEDI in nocciolo depressionario centrato sul nord Italia, potrebbe determinare un consistente calo termico in quota su tutto il settentrione con piogge sparse e NEVICATE sino a quote medio-basse. Perturbato sull'area tirrenica, con piogge sparse e nevicate sopra i 800-1000m sull'Appennino centrale; fenomeni scarsi o assenti sulle estreme regioni meridionali. Una fase successiva potrebbe portare la traslazione del minimo depressionario sul Tirreno centrale, favorendo ulteriore calo termico al nord con le nevicate che potrebbero raggiungere quote prossimo al suolo e 700-800m sull'Appennino centrale; ma al momento l'ipotesi è ancora piuttosto remota. Comunque vadano le cose, la situazione sembra sbloccarsi nell'ultima decade del mese con un tempo più dinamico, piovoso e magari NEVOSO; e questa non può che essere una buona notizia per le nostre montagne e per un prosieguo dell'inverno più accettabile!

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum