Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tutto quello che dovete sapere sul gradito MALTEMPO in arrivo

Vi chiariamo alcuni dubbi.

Sotto la lente - 19 Gennaio 2007, ore 09.46

Vediamo cosa è assolutamente certo rispetto al conclamato peggioramento della prossima settimana: Sembra ormai MOLTO PROBABILE che: -scenda una saccatura sulla verticale della Francia e provochi la formazione di un minimo depressionario al suolo sul Golfo del Leone, in movimento verso il nord Italia nella giornata di martedì. -che lunedì si avranno le prime piogge al nord e sulla Toscana con quota neve attestata sui 1200m sulle Alpi ma in temporaneo rialzo per l'avvezione di aria mite meridionale. -che martedì il minimo attraversi il settentrione puntando verso il nord delle Alpi e portando con sè aria fredda ed un abbassamento del limite delle nevicate sino a 500-600m, specie verso sera. STOP, le presunte certezze finiscono qui. CONSIDERAZIONI: è grande la difficoltà dei modelli nel collocare un minimo barico tra il Golfo del Leone ed il Mar Ligure e anche nell'individuare esattamente il sentiero preferenziale dell'aria fredda. Questo comporta e comporterà INCERTEZZA PREVISIONALE financo a 12 ore dall'evento, non solo a 24-48 ore, dunque non fidatevi nemmeno delle presunte certezze. POSSIBILI EVOLUZIONI con percentuali di probabilità: -è possibile che un secondo impulso si infili dalla Francia dritto dritto tra Ligure e Tirreno tra mercoledì e giovedì, spingendo maggiormente il freddo verso le regioni centrali ed il meridione e favorendo nevicate a quote molto basse 400-600m. (40%) -è altresì possibile però che questo secondo impulso pieghi stretto sul nord-ovest italiano portando la neve sulle pianure di Piemonte e Lombardia, una spolverata sul Triveneto e successivamente punti sulla Toscana, sempre con neve a bassa quota, giungendo infine più attenuato sul resto della Penisola. (20%) -altra ipotesi è quella che vede la stazionarietà di tutta la complessa figura depressionaria con il vortice in quota solo in lento movimento dalla Francia al settentrione e il minimo al suolo che dalla Valpadana si porterebbe poi verso le regioni centrali. In questo caso potremmo avere meno freddo al centro-sud ma anche maggiori possibilità di neve al settentrione, sia sulle Alpi che probabilmente al piano. (40%) DA NOTARE: per gli ultimi giorni del mese l'alta pressione ha il 60% di probabilità di tornare a comandare il tempo su Europa centrale ed Italia, contro il 40% delle correnti fredde settentrionali.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum