Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Seconda decade di febbraio, l'inverno potrebbe mordere ma...

Il dominio anticiclonico, per tenace che possa essere, dovrebbe subire una parziale battuta d'arresto a partire dal prossimo fine settimana. La massa di aria fredda che preme sull'Europa orientale potrebbe trovare un canale per raggiungere il Bel Paese ma non è detto che l'anticiclone dia via libera al progetto

Sotto la lente - 4 Febbraio 2008, ore 11.01

Quando un anticiclone si piazza sul Mediterraneo con quel suo fare spocchioso e con quella sua posizione centrale non lascia molte vie d'uscita. Spesso l'aria calda che lo alimenta dalle latitudini subtropicali seguita a pulsare per giorni e giorni permettendo longevità e prosperità al "signore del bel tempo". Le carte attualmente in nostro possesso ci mostrano questa classica situazione tuttavia si nota con una probabilità sempre crescente uno sbilanciamento di questa cupola di calore verso la Scandinavia. Il vortice polare parzialmente destabilizzato, probabilmente anche a causa di una serie di riscaldamenti in atto in alta stratosfera, potrebbe permettere il rilascio di una buona quantità di aria fredda dalle sue viscere. La corrente a getto avrà il compito di distribuire quest'aria alle medie latitudini e la sua ondulazione meridiana potrebbe portarsi decisamente verso nord nel corso del prossimo fine settimana cosi da permettere ad un blocco gelido parcheggiato nel deposito scandinavo di mettersi in moto alla volta del Mediterraneo orientale. La sua traiettoria al momento appare orientata ad impegnare anche parzialmente le nostre regioni centro-meridionali, segnatamente i settori adriatici. Su queste zone abbiamo pertanto qualche possibilità in più per rivedere un rientro in extremis dell'inverno che dovrebbe abbracciare l'arco di qualche giorno nella seconda decade del mese. Come sovente accade in queste situazioni però le traiettorie delle masse d'aria e il loro rapporto con le catene montuose incontrate lungo il cammino ne determinano la successiva evoluzione e al momento i particolari urgono di nuove e più univoche conferme. Vi invitiamo dunque a rimanere costantemente aggiornati per seguire passo passo tutte le mosse di questo delicato momento della stagione.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum