Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perché in molte zone fa così caldo?

Perché l'anticiclone africano, posizionatosi sul Mediterraneo, sta facendo quello che è nella sua natura: sospinge aria di origine tropicale verso l'Europa centro-meridionale, comprimendola dall'alto verso il basso.

Sotto la lente - 5 Febbraio 2004, ore 10.15

Negli ultimi giorni le temperature hanno subìto una vera e propria impennata rispetto a quelle che avevamo appena una settimana fa; in alcune località di montagna si sono avuti addirittura sbalzi verso l’alto fino a 15-20°C, mentre in pianura l’aumento ha sfiorato i 10-12°C. Fanno quasi impressione anche le temperature di diverse Regioni europee; ad esempio in Germania non è proprio usuale registrare temperature di 16°C alle 7 del mattino del 5 febbraio, soprattutto se si pensa che solo 10 giorni fa la colonnina di mercurio nelle stesse zone scendeva fino a –10°C. Come si può spiegare allora una anomalia del genere? Semplicemente con la presenza sul Mediterraneo e l’Europa centrale dell’anticiclone subtropicale africano, quella figura barica che ci ha fatto patire il caldo durante l’estate 2003; il suo cuore bollente infatti si è posizionato poco ad ovest della Sardegna, in una posizione strategica per “pompare” aria proveniente dai Tropici in direzione delle medie latitudini, e quindi anche verso la Spagna, la Francia, la Germania e l’Italia. Parte del riscaldamento è comunque dovuta anche all’azione di compressione dell’aria dall’alto verso il basso esercitata dal campo stesso di alta pressione: per spiegare questo effetto basta pensare a quello che succede quando andiamo a gonfiare le ruote di una bicicletta con una pompa (si comprime l’aria); se dopo aver effettuato questa operazione andiamo a toccare la pompa stessa, sentiremo che si è riscaldata molto rispetto al momento in cui l’abbiamo presa. Con l’azione di compressione però l’aria tende anche a divenire molto secca, quindi in montagna il cielo si fa nitido e la visibilità eccellente; al contrario nei bassi strati, specialmente vicino al mare, il cielo può coprirsi; lo scorrimento dell’aria calda e secca al di sopra dell’aria fresca ed umida presente al di sopra della superficie del mare, genera infatti banchi di nubi basse in gran parte innocue, ma sufficientemente spesse da coprire il sole. Insomma tutti gli ingredienti favorevoli a giornate veramente miti, ideali per andare sugli sci o per vedere i primi tuffi dei temerari nei mari ancora freddi del nostro meridione ci sono tutti; godetevi quindi questo periodo di tranquillità, da sabato o al più da domenica, si riprenderà a parlare di perturbazioni, vento ed aria fresca.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum