Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perché così pochi temporali nella giornata di domenica?

Perchè il Grecale e la Bora hanno "asciugato" la massa d'aria presente sull'Italia.

Sotto la lente - 14 Giugno 2004, ore 11.27

Nella giornata di ieri, domenica 13 giugno, erano attese piogge abbondanti e forti temporali su molte zone d'Italia, specialmente al centro, dove la perturbazione avrebbe dovuto avere il suo centro motore; invece in molti casi si è assistito solamente al passaggio di brevi acquazzoni subito seguiti da nuove schiarite, o addirittura al transito di nubi minacciose ma sterili, che non hanno lasciato cadere una goccia d'acqua per tutta la giornata. A cosa è stata dovuta questa "defaillance" dei modelli matematici, ma soprattutto della perturbazione in arrivo? Soprattutto al fatto che il centro di bassa pressione fra il Mar Ligure e la Corsica si è formato alcune ore prima del previsto; questo ha favorito una maggiore insistenza e forza della Bora e del Grecale, che già nella mattinata di ieri soffiavano a tratti fino ad 80 km/h su tutto l'Appennino e la Toscana, quando su tali zone si attendevano solamente dal pomeriggio. L'azione del vento ha portato ad un brusco calo dell'umidità dell'aria, e quindi alla prevalenza di piogge da sbarramento montano, confinate sui crinali appenninici marchigiani e romagnoli; al contrario l'instabilità termoconvettiva, quella che porta alla formazione dei classici temporali pomeridiani è stata inibita su gran parte della Toscana e del Lazio (ad eccezione della costa dell'Alto Tirreno), con il sole a tratti protagonista nel corso della giornata. Una volta formatosi il Vortice a tutte le quote però le nubi hanno preso il sopravvento, e finalmente le piogge hanno interessato le regioni dove erano previsti anche forti temporali, ovvero Toscana, Umbria e Lazio, a partire dalle zone costiere. Adesso l'ammasso nuvoloso principale collegato alla perturbazione tende a muoversi verso ovest, in direzione della Sardegna, quindi il Grecale riesce nuovamente a soffiare via le nubi dalle coste tirreniche; nelle prossime ore comunque l'instabilità dell'aria si farà ancora una volta valere su tute le zone interne.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum