Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Neve in fusione sull'Appennino, situazione potenzialmente dannosa per le Alpi

L'arrivo dell'alta pressione sta determinando la rapida fusione della neve sull'Appennino sin verso alta quota. Il manto sta sparendo quasi ovunque anche nelle vette più elevate. Più buona la situazione neve sulle Alpi, tuttavia la persistenza dell'anticiclone potrebbe anche qui portare alcune spiacevoli conseguenze.

Sotto la lente - 22 Marzo 2012, ore 17.30

La prima immagine web cam si riferisce ai 1785 metri del monte Bue, nell'Appennino ligure centro-orientale. Il panorama bianco che regnava incontrastato sino ad un paio di settimane fa, è rimasto solo un ricordo sbiadito.

Un ultimo fronte atmosferico transitato qualche giorno fa era riuscito a regalare una nuova veloce spolverata di neve al di sopra dei 1500 metri. Tuttavia il ripristino del campo di alta pressione su buona parte d'Europa, ha favorito un nuovo deleterio aumento delle temperature alle quote superiori. Attualmente la temperatura in questa località sfiora gli 8 gradi!

Dovesse prolungarsi (come probabile) il periodo anticiclonico attuale, risulterà micidiale l'impatto sia sul nostro innevamento appenninico, che su quello alpino sino a sfiorare i 2000 metri di altitudine. L'arrivo di isoterme prossime ai +10 a 1500 metri nel corso della prossima settimana, manterrebbe lo zero termico ben oltre i 2000 metri. L'impatto risulterebbe vistoso sia sull'innevamento di alta quota che sullo stato dei nostri ghiacciai.

Non bisogna dimenticare infatti, che la salute di un ghiacciaio dipende soprattutto dalla quantità di precipitazione che cade durante il periodo primaverile e autunnale, quando la neve è più colloidale, riesce a fare presa sul ghiacciaio.

Le precipitazioni invernali hanno in realtà, un'importanza solo relativa. La neve invernale, essendo accompagnata da temperature mediamente più fredde, risulta polverosa, non riesce a far presa sui ghiacciai. Attraverso un meccanismo di trasporto ben noto, chiamato "scaccianeve", il vento tende a trascinarla via, accumulandola più a valle, lasciando puliti i ghiacciai.

Al momento tuttavia, la situazione neve nei settori alpini è piuttosto buona. La seconda immagine mostra l'innevamento ai 2900 metri del Ghiacciaio Presena, sulle Alpi lombarde.


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum