Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le forti nevicate di venerdì sulle Alpi orientali

Fiocchi attesi sino a 1000 metri, accumuli importanti al di sopra di tale limite, freddo intenso per la stagione, anche accompagnato da vento forte.

Sotto la lente - 23 Maggio 2013, ore 12.32

 La bufera che non t'aspetti. Non te l'aspetti semplicemente perchè siamo a fine maggio e  non a inizio gennaio. Ma questa prmavera ci conferma di essere fatta tutta a modo suo così, anzichè proiettarci verso l'state ci catapulta indietro verso l'inverno. Quello che accadrà domani, venerdì 24 maggio, lungo la cresta delle Alpi e soprattutto sui settori orientali, saprà infatti di vero inverno.

Un nucleo di aria molto fredda per la stagione (fino a -28°C a 5500 metri di quota, -1°C a 1500 metri di quota), accompagnato da una attiva perturbazione in arrivo dal nord Atlantico, andrà in conflitto con un flusso meno freddo, ma anch'esso instabile, portato sull'Italia dalla perturbazione precedente, la numero 9 del mese di maggio.

Lo scontro sarà tale da innescare fenomeni temporaleschi che rovesceranno verso il suolo l'aria fredda presente in altitudine. Ecco che, oltre alla pioggia, dovremo aspettarci anche la neve. I fiocchi, a tratti anche accompagnati da grandine o da graupel (neve tonda), imbiancheranno le nostre montagne a partire dai settori confnali di Valle d'Aosta, alto Piemonte, alta Lombardia, ma soprattutto Trentino, Alto Adige, alto Veneto e Friuli Venezia Giulia.

I primi temporali interverranno già in serata, ma sarà a partire dalla notte su venerdì che il limite delle nevicate è atteso scendere vertiginosamente fino a quote davvero basse per la stagione. Venerdì mattina montagne imbiancate fino a 900-1000 metri sui settori altoatesini e sulle Alpi Carniche, fino a 1000-1200 metri su Dolimiti, Cadore e Alpi Giulie, 1200-1300 metri su Prealpi Venete, Carniche e Giulie.

Nel pomeriggio ancora rovesci di neve con limite fin verso i 1000-1200 metri lungo tutti i settori di confine e zone adiacenti di Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, 1300-1400 metri sulle restanti zone, ivi compresa la fascia prealpina. I fenomeni andranno progressivamene esaurendosi verso sera per l'allontanamento della perturbazione verso Austria e Slovenia.

Intanto resteranno al suolo qualcosa come 50 centimetri di neve fresca nel Tarvisiano (a quota 2000 metri). 40 centimetri sui restanti settori delle Alpi Carniche e sulle Dolomiti Venete, tra 15 e 20 centimetri sui restanti settori alpini citati, qualcosa meno (non più di 5-10 centimetri media) sulle cime prealpine.

Da segnalare infine spruzzate di neve (accumuli fino a 5 centimetri) anche sull'Appennino Emiliano fino a quote prossime ai 1200-1300 metri. Altri approfondimenti li trovate qui di seguito: meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Maltempo-in-arrivo-sul-nord-est/41672/ e meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Dove-potrebbe-NEVICARE-nella-giornata-di-SABATO-/41676/. Quanto basta per dire: "bentornato inverno..."


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum