Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La depressione di venerdì 31 ottobre

Una perturbazione piuttosto vasta e corposa investirà l'Italia, portando piogge diffuse, vento e neve su gran parte del territorio.

Sotto la lente - 27 Ottobre 2003, ore 12.10

Abbiamo già sottolineato in altri articoli come la settimana che è appena cominciata si annunci piuttosto dinamica da punto di vista meteorologico, a causa del passaggio di diverse perturbazioni; queste si origineranno sull’Atlantico e sul Mediterraneo occidentale, per poi attraversare la Penisola Italiana da ovest ad est. In particolare le giornate di mercoledì e venerdì potrebbero vedere l’arrivo di piogge piuttosto abbondanti su gran parte del territorio italiano, con nevicate in montagna e vento forte; cerchiamo allora di analizzare il secondo di questi episodi, fornendo qualche particolare in più. Già nel corso della giornata di giovedì il tempo si mostrerà piuttosto instabile su gran parte del territorio italiano, con rischio di acquazzoni alternati ad alcune schiarite, a tratti ampie; ma sarà verso la tarda serata e nella nottata su venerdì che la copertura nuvolosa si farà molto più compatta sul nord-ovest, la Sardegna e le regioni tirreniche, dove di conseguenza le precipitazioni diverranno più continue. In particolare sul Mar Ligure e l’alto Tirreno si potranno verificare alcuni temporali che, spinti dai forti venti di Libeccio che si attiveranno, si porteranno rapidamente verso l’entroterra, rischiando in parte di “sfondare” in mattinata sulle Marche e la Romagna, dove di solito in queste situazioni si genera il “Garbino”, un vento secco e teso che normalmente non permette alle nubi di portare precipitazioni in loco. Andando verso il pomeriggio di venerdì probabilmente le piogge (moderate o forti, ma soprattutto quasi sempre continue) si estenderanno a gran parte del centro-nord, ma anche su Campania, Calabria e Sicilia; la neve cadrà a quote attorno ai 1000 metri sulle Alpi, mentre sull’Appennino non scenderà al di sotto dei 1300-1500 metri, almeno inizialmente. Verso sera le prime timide schiarite cominceranno a manifestarsi su Piemonte, Valle d’Aosta e Riviera di Ponente, mentre il vento comincerà a ruotare dai quadranti settentrionali, ma si manterrà ancora forte. Per un vero e proprio miglioramento su tutta l’Italia occorrerà comunque attendere almeno 24-36 ore.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.31: A10 Genova-Ventimiglia

blocco

Impianto di distribuzione carburante chiuso a A. di servizio Borsana Sud (Km. 55,7) in direzione..…

h 04.27: SS3bis Bis tiberina (e45)

incidente

Incidente a 1,037 km prima di Incrocio Sp S.Nicolo' Di Celle (Km. 60,7) in direzione Incrocio Rav..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum