Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'anticiclone, l'afa e il temporale

Il verificarsi di forti temporali, in questi giorni, ci dà lo spunto per approfondire i motivi del loro sviluppo, pur in condizioni di relativa alta pressione.

Sotto la lente - 11 Luglio 2013, ore 09.15

 L'alta pressione è la figura del bel tempo per eccellenza. Attenzione però, perchè se la sua struttura tra il suolo e le quote superiori dell'atmosfera non è solidale, possono infiltrarsi refoli di aria fresca potenziale d'innesco dei temporali improvvisi, proprio come quelli che in questi ultimi giorni, stanno interessando diverse zone dell'Italia.

Mattinate estive lattiginose e con aria ferma, temperature non eccessivamente elevate ma clima afoso per alti quantitativi di umidità al suolo. Questa è la tipica situazione che può sfociare in pomeriggi estivi decisamente movimentati. Ovviamente la situazione generale a livello sinottico deve essere opportunamente predisposta e solitamente scaturisce da una ben precisa disposizione delle pedine atmosferiche.

Solitamente l'asse dell'alta pressione non è puntato su di noi, che siamo pertanto destinati a rimanere ai margini: nel caso l'asse dell'alta pressione si trovasse ad est rispetto alla nostra posizione, ci troveremmo investiti da correnti molto calde e umide che tendono ad instabilizzarsi lungo linee di flusso convergenti o aridosso dei rilievi montuosi. Ne scaturiscono temporali intensi e accumuli piovosi particolarmente elevati.

Nel caso l'asse dell'alta pressione si trovasse ad ovest, ci vedremmo sorvolati da masse d'aria fresca e instabile che alle quote superiori scorre dai quadranti settentrionali o nord-orientali. Ecco così l'innesco di temporali, solitamente a macchia di lepoardo, che giorno dopo giorno guadagnano terreno dai monti verso pianure e coste. Si tratta in questo caso di fenomeni più circoscritti rispetto al caso precedente, ma parimenti molto intensi.

 Ecco dunque che, in un caso o nell'altro, e senza l'intervento di alcuna perturbazione, quei tipici pomeriggi di mezza estate diventano testata d'angolo e prendono su di sè tutta la violenza intrinseca di questi fenomeni, che possono anche sfociare in alluvioni lampo o in temporali accompagnati da violentissime raffiche di vento o da locali ma perfino impensabili grandinate meteolive.leonardo.it/news/Sotto-la-lente/9/Isola-di-calore-urbana-ecco-come-Milano-ti-mette-in-piedi-un-mostro/42301/.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum