Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Isola di calore urbana: ecco come Milano ti mette in piedi un mostro

Tuoni, fulmini, grandine e anche qualcos'altro... Tutto rigorosamente sopra il centro abitato della grande metropoli nel caldo pomeriggio di mercoledì 10 luglio.

Sotto la lente - 11 Luglio 2013, ore 10.07

Accade a volte, durante l'estate, che l'alta pressione mostri alcuni punti deboli: ad esempio permetta l'infiltrazione di aria fresca alle quote superiori, dove il gradeinte rimane comunque lasco e quindi i venti deboli. Se nei bassi strati troviamo una adeguata fonte di calore, come accade sopra le distese di asfalto e cemento di una grande città, e una massa d'aria particolarmete umida, tipica della val Padana, ecco che può nascere, apparentemente dal nulla, un autentico mostro temporalesco.

Il temporale infatti è una macchina termica, che nasce (anche) per riequilibrare la colonna atmosferica, ovvero portando aria calda e umida (leggera) verso l'alto e aria fresca e asciutta (pesante) verso il basso. 

L'esempio di quanto accaduto ieri, mercoledì 10 luglio, sulla città di Milano è assai eloquente. Partendo da cielo quasi sereno, nel giro di 10-15 minuti nel core del pomeriggio si è sviluppata una multicella temporalesca sulla verticale del centro città, che ha portato pioggia intensa (anche oltre 20 millimetri d'acqua in un'ora), grandine, tuoni, fulmini e intensi colpi di vento.

Stante la circolazione in quota, caratterizzata da deboli venti orientali, l'asse del temporale ha dato i suoi massimi effetti sui quartieri centrali e occidentali, come possiamo osservare dall'immagine in alto, che rappresenta la schermata radar riferita all'evento. A seguire, l'espansione della nube "a cavolfiore", ha portato ad una espansione anche del raggio delle precipitazioni su altri quartieri periferici, pur se con intensità decisamente minore; se classiche "quattro gocce".

Interessante notare che, dopo la rinfrescata portata dai rovesci, i quali hanno fatto crollare la temperatura nei pressi del centro (Piazzale Cadorna) da 30 a 22°C (a Linate, periferia est, solo da 29 a 27°C), il mancato ricambio d'aria (niente perturbazioni) ha riportato a breve giro di posta sulla città la sua consueta cappa di afa (in centro alle 19.00 si era tornati da 22 a 26°C), anche aggravata nei quartieri periferici, interessati da precipitazioni deboli. Come dire: tutto quel parapiglia per nulla.

Certo, questo è proprio un classico fenomeno innescato dall'isola di calore urbana, una sorta di pioggia causata dall'uomo. L'avevamo previsto nei nostri approfondimenti, e a suo tempo avevamo già descritto fenomeni analoghi meteolive.leonardo.it/news/Tutto-temporali/42/Doppio-temporale-da-isola-di-calore-a-Milano-cosi-l-uomo-condiziona-le-precipitazioni/33513/. Probabilmente senza la città non ci sarebbe stato temporale, così come si evince osservando nell'immagine del radar tutte le zone di campagna circostanti, esenti da temporali.

Una curiosità: date un'occhiata alla breve sequenza video che vi mostriamo a piè di pagina: si tratta di alcuni scatti riferiti proprio al temporale di calore sul centro di Milano. Siamo in zona San Babila, dove è stato immortalata una sinistra figura nel cielo a pochi passi dal Duomo. A voi, cari lettori, scoprire di cosa si tratta...

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum