Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Intervista all'Esperto: Un inverno piatto e mite come pochi! Ma dove è finito il freddo?

Consueta chiacchierata con Luca Savorani.

Sotto la lente - 9 Gennaio 2007, ore 10.30

REDAZIONE: Temperature autunnali e scarse precipitazioni su gran parte della Penisola! Cosa sta succedendo? SAVORANI: Purtroppo il flusso perturbato atlantico tende a scorrere a latitudini sempre piuttosto elevate sfiorando talvolta l'arco alpino, ma difficilmente riesce a sospingere fronti organizzati sull'area mediterranea dove regnano incontrastate le alte pressioni. Sull'est europeo intanto la situazione è piuttosto triste con temperature sopra la media del periodo; quindi è praticamente da scartare l'ipotesi di consistenti colate artiche continentali. Poche le novità almeno per i prossimi giorni con deboli piogge sulla Liguria, nord Appennino, Toscana, specie sui settori interni; nubi basse e clima uggioso sulle pianure del nord con isolati piovaschi, mentre tempo discreto altrove con ampie schiarite e temperature sempre piuttosto miti. REDAZIONE: Per la prossima settimana è atteso un moderato peggioramento del tempo? SAVORANI: Beh, a metà della prossima settimana un parziale abbassamento del flusso perturbato a latitudini più temperate potrebbero favorire l'ingresso di una saccatura atlantica sull'Europa centro occidentale foriera di moderato peggioramento specie al nord e al centro, con piogge in pianura e neve su Alpi e Appennino sino a quote medie, mentre gran parte del meridione, protetto dalla campana anticiclonica mediterranea, potrebbe risentirne marginalmente del peggioramento. REDAZIONE: Ma dove è finito il freddo? SAVORANI: Dalle ultime proiezioni si scorge una possibile regressione dell'indice AO, cioè il valore che indica l'attività del Vortice Polare, ma tuttavia tale "anomalia" potrebbe favorire i settori atlantici nord-occidentali, determinando forti irruzioni polari sul comparto Canadese e sugli Stati Uniti occidentali, mentre il flusso perturbato sul nostro continente continuerà a scorrere a latitudini piuttosto elevate, lasciando gran parte dell'Europa centro-meridionale e del settore mediterraneo in balia del nostro affezionatissimo anticiclone ancora per diversi giorni. Una possibile flessione del campo barico è attesa a partire dalla terza decade del mese, ma ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum