Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Intervista all'esperto: godetevi il prossimo inizio di settimana

Consueta chiacchierata con Lorenzo Catania.

Sotto la lente - 21 Aprile 2006, ore 13.04

Redazione: Finalmente arrivano delle giornate belle e calde. Catania: Quello in arrivo è una sorta di assaggio della seconda fase della primavera, quella che introduce all'estate. Da adesso in poi, come intuitivamente possiamo capire, questi periodi di stabilità saranno sempre più frequenti, anche se intervallati di tanto in tanto da momenti più instabili e localmente piovosi. Comunque l'alta pressione sta cercando di tornare a piccoli passi sul Mediterraneo. Redazione: Come mai fino ad ora non ne abbiamo avuto traccia su gran parte d'Italia? Catania: Proprio perché l'alta pressione è stata sfavorita da particolari indici stratosferici che l'hanno relegata per molti mesi al ruolo di comparsa, confinandola in pieno Oceano e lasciando l'Europa in balìa delle depressioni. Adesso tali indici hanno leggermente perso di importanza, e quindi l'anticiclone ha qualche chance in più di ritrovare i territori perduti nell'autunno 2005. Redazione: Comunque non durerà molto. Catania: No, anche se almeno fino alla fine del mese non sono previste perturbazioni estese ed intense in transito. Dalla metà della settimana prossima però ci potranno essere nuovi piccoli guasti ad opera di insisdiose gocce fredde che accentueranno l'instabilità, specialmente sulle Alpi. Per i dettagli però è ancora presto. Redazione: Come mai ci sono stati così tanti temporali in montagna nei giorni scorsi? Catania: Proprio a causa dell'instabilità generata da aria fresca (o meglio, più fresca del dovuto) in quota. I temporali di questo tipo si manifestano soprattutto in montagna e nel pomeriggio perché i crinali montani, specie quelli rocciosi, si scaldano molto rapidamente, ma soprattutto sono a diretto contatto con l'aria fresca alle alte quote. Se il profilo termico è instabile allora il contrasto diventa produttivo, e può generare nubi temporalesche. I crinali boscosi non si scaldano così rapidamente come quelli rocciosi, ma questo deficit di temperatura viene compensato dalla grande quantità di vapore acqueo che traspira dalle piante, e quindi dal surplus di umidità. Redazione: Quindi in questi casi nelle ore notturne e mattutine siamo al sicuro dalle piogge. Catania: Non è detto. Può ad esempio capitare che anche dopo il tramonto, in assenza di vento, l'aria nei bassi strati atmosferici rimanga umida e molto mite (specie nelle pianure); ecco che allora i temporali si vedono muovere verso le zone pianeggianti per insistere talvolta fino al mattino. Questo comportamento può manifestarsi anche in caso di reazione a catena, cioé quando il movimento convettivo (verso l'alto o il basso) prevalente nelle nubi come cumuli e cumulonembi, si reitera in condizioni favorevoli anche nelle ore serali, facilitando così la nascita di nuove cellule per alcune ore.

Autore : Redazione MeteoLive

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.44: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Ancona Sud (Km. 230,4) e Ancona Nord (Km. 213,5) in direzione B..…

h 23.40: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Ancona Sud (Km. 230,4) e Ancona Nord (Km. 213,5) in direzione B..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum