Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il fresco in Spagna e a noi il caldo africano, perchè?

Si tratto del rovescio della stessa medaglia. Cerchiamo di comprendere il meccanismo tramite l'analisi dell'affascinante sistema oceani-atmosfera.

Sotto la lente - 20 Giugno 2013, ore 09.36

Sembra una congiura a spese dell'Italia (per chi non sopporta il caldo estremo) oppure una grazia offerta gratuitamente al Bel Paese (per chi invece ama sole e caldo off-limits). Fatto sta che questa disposizione circolatoria in ambito euro-atlantico in alcuni periodi assume a volte il filo conduttore della nostra scena meteorologica.

Le depressioni collegate alla circolazione ciclonica circumpolare sprofondano decise sull'Atlantico poi frenano e vanno a finire in un buco invisibile in corrispondenza della Penisola Iberica. Cosa mai attirerà verso quel buco le perturbazioni, anche quelle destinate a noi? La risposta sta nella disposizione delle temperature superficiali dell'oceano.

Queste ultime mostrano una distribuzione irregolare con piscine tiepide alternate a buchi di acqua più fredda. Nascono dunque della anomalie che poi si vanno a concentrare su determinati settori a causa della complessa interazione tra le diverse correnti marine unitamente all'ulteriore variabile della salinità, soprattutto nelle adiacenze della alte latitudini dove i ghiacci polari rilasciano in mare enormi quantità di acque dolci.

La topografia di questi flussi sottomarini è dunque la forzante per la sovrastante circolazione atmosferica. Ma in quale modo le anomalie delle temperature superficiali degli oceani forzano la circolazione atmosferica? Tramite la deviazione della corrente a getto, grande nastro ondulato di vento che corre da ovest ad est alle medie a alte latitudini serpeggiando attorno all'emisfero nel settore di maggior contrasto termico.

In particolare acque particolarmente fredde, con temperature al di sotto della media, tendono a generare spessori atmosferici minori, quindi zone di bassa pressione, viceversa capita in caso di acque superficiali più calde, ove il maggior spessore troposferico è alla base della genesi anticiclonica.

Ed ecco all'atto pratico dove sta il punto nodale della situazione contingente: acque molto più fresche della norma sul vicino Atlantico (al largo del Portogallo) hanno agevolato l'immissione di una profonda saccatura nord-atlantica sulla penisola Iberica. La controrisposta che si erge a levante dell'affondo depressionario fa emergere dai deserti nord-africani la grande bolla anticiclonica del nord Africa la quale trova supporto anche da parte delle acque mediterranee le cui temperature superficiali meno fredde. A Spagnoli e Portoghesi quindi il fresco e a noi Italiani il caldo.

Questa è la legge della natura e la legge è uguale per tutti... o quasi.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum