Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gli alti e i bassi dell'inverno? Cerchiamo le possibili cause

Quando l'inverno alle medie latitudini non riesce a imporsi con particolare costanza e determinazione è quasi sempre colpa di una circolazione circumpolare molto fredda e profonda che, per la legge fisica della continuità, risucchia le alte pressioni verso di noi. Ecco spiegati alcuni meccanismi oscuri del tempo a grande scala.

Sotto la lente - 16 Gennaio 2012, ore 11.46

 Quante volte sentiamo parlare di alta pressione atlantica invadente, banda anticiclonica nord-africana padrona del Mediterraneo, alta pressione europea, alta pressione di qua e alta pressione di là. Va bene l'abbiamo capito che la circolazione generale dell'atmosfera, pur con continui saliscendi, si è comunque posizionata con la cella subtropicale (tecnicamente cella di Hadley)  decisamente spostata verso nord. Ma non è che c'è dell'altro?

Questo impianto durante la stagione invernale, quando il tutto dovrebbe comunque ritirarsi almeno dal di là delle sponde mediterranee, trova comunque alimentazione di sponda da parte della circolazione depressionaria circumpolare, quella meglio nota come vortice polare. Un vortice polare molto forte causa infatti un rialzo marcato della banda anticiclonica subtropicale, e tutto il gelo rimane confinato alle alte latitudini.

Considerando l'atmosfera come un volume tridimensionale dobbiamo osservare che sulla verticale del Polo, alle alte latitudini, durante l'inverno si forma una secondo vortice polare, sovrapposto a quello prima citato e che rileviamo al livello del mare. Quest'ultimo viene identificato con l'indice AO (Oscillazione Artica), mentre se consideriamo l'intera colonna atmosferica sopra il Polo, includendo anche la stratosfera, ci affidiamo al NAM (North Anular Mode).

Ebbene il trucco per capire come funziona sta proprio qui. Quando il vortice polare stratosferico invernale si approfondisce molto, causa un pari approfondimento di quello troposferico, ovvero NAM positivo porta ad un AO positiva. La Corrente a Getto accelera, assume una traiettoria rettilinea e causa l'avanzata verso le nostre latitudini degli anticicloni subtropicali.

Ora un passo l'abbiamo fatto, ma cosa determina l'approfondimento del vortice polare stratosferico? Nientemeno che i flussi di ozono tra l'equatore, dove si forma per la fotodissociazione delle molecole di ossigeno ad opera della luce solare, e i Poli, dove si accumula. L'ozono infatti si forma alle latitudini equatoriali, poi si solleva in seno agli imponenti temporali equatoriali (la cui magnitudo è identificata dalla Madden Julian Oscillation) e viaggia verso i Poli, dove si accumula.

Elevate concentrazioni di ozono nella stratosfera polare favoriscono un vortice stratosferico complessivamente più disturbato, e agevolano gli eventi di Stratwarming, bassi quantitativi di ozono un vortice polare stratosferico più forte e colmo di aria gelida, ma parallelamente inverni poco incisivi alle medie latitudini. Oscillazioni come ciclo solare, venti stratosferici ed ENSO possono risultare determinanti nel manipolare i flussi di ozono.

Secondo studi comprovati, venti stratosferici orientali (QBO negativa), minimo solare e Nina favoriscono il ciclo dell'ozono e indeboliscono così il vortice polare, permettendo inverni seri anche alle medie latitudini. Ciò avviene anche con QBO positiva, massima attività solare e Nino. Esattamente il contrario avviene con andamento diverso degli stessi indici. 

Inverno si o inverno no? Eccovi svelato il trucco.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.38: A35 BreBeMi

blocco incidente

Tratto chiuso causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo SP19(BS) e Svincolo Rovato in dire..…

h 22.34: SS128 Centrale Sarda

frana

Frana a 2,72 km prima di Incrocio Meana Sardo (Km. 88,3) in entrambe le direzioni…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum