Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Dove potrebbe nevicare nella giornata di sabato?

Fiocchi bianchi attesi in particolare sui settori centro-orientali delle Alpi, con spolverate altrove. In serata la neve comparirà anche sull'Appennino settentrionale e su parte di quello centrale. Ecco tutti i particolari alla luce delle ultimissime simulazioni.

Sotto la lente - 23 Ottobre 2012, ore 14.42

 E' gia iniziata ufficialmente la "danza" dei minimi, ovvero lo scostamento alternato della traiettoria che intraprenderà l'aria fredda nel contesto del peggioramento di venerdì e sabato prossimi. Questo accade perchè le masse di aria fredda viaggiano incollate al suolo e nel loro percorso subiscono modifiche anche considerevoli di traiettoria in relazione alle asperità dei territori incontrati.

Questo mette in handicap le simulazioni modellistiche, originando quel classico destra-sinistra dei minimi di pressione di natura orografica che si sviluppano quando le masse d'aria provenienti dal grande nord fanno breccia in un territorio orograficamente tormentato come l'Italia. Ora, alla luce delle ultimissime elaborazioni, si notano alcuni (per ora) lievi scostamenti della prognosi riferita alle nevicate, rispetto a quando constatato in mattinata.

Fatto salvo che l'ingresso della saccatura polare ci sarà, e che avverrà grazie al supporto di un secondo vortice di natura atlantica, osserviamo che parte iniziale della colata riuscirà a penetrare sull'Italia al 55% dalla porta del Maestrale (lato francese delle Alpi) e per un 45% da quella della Bora (lato sloveno delle Alpi).

Questo basterà per attivare nella giornata di sabato una scia di precipitazioni con asse principale disposto diagonalmente tra le Marittime e il Friuli attraverso l'Emilia. Qui avremo le piogge più intense ma dove cadrà la neve?

Si partirà da quote poste intorno a 2000 metri per poi calare rapidamente a partire dai settori di confine e da quelli centro-orientali, dove il limite si porterà fino a 1000-1200 metri. Rispetto alle corse precedenti in questo caso rientrano anche i settori padani dell'arco alpino piemontese, dove comunque avremo solo spolverate, più probabili e consistenti su Graie e Lepontine, oltre che sui settori di confine delle Marittime. Una discreta nevicata è attesa a Courmayeur, un po' più modesta a Cogne.

Le due perturbazioni attese nella giornata di sabato saranno invece più generose sulle Alpi centrali e orientali. In Lombardia attesi fino a 10-12 centimetri sul comparto retico alla quota di 1500 metri, a sfumare man mano che ci si porta verso le Prealpi. Una buona nevicata è attesa a Livigno, discreta a Foppolo.

Bene Trentino e soprattutto l'AltoAdige, dove sono attesi fino a 15.17 centimetri di neve fresca alla quota di 1200 metri. Neve attesa anche su Carniche e Giulie, ma con accumuli lievemente minori a parità di quota. Ci attendiamo pertanto la prima neve sulle piste di Madonna di Campiglio e a Tarvisio.

Un ultimo appunto: l'ingresso dell'aria fredda metterà in moto quella grande macchina termica che è il mare (Ligure e Adriatico) tanto che tra pomeriggio e sera sono attesi rovesci nevosi anche sull'Appennino settentrionale fino al comparto umbro-marchigiano. Fiocchi probabili fin verso i 1200-1300 metri, in particolare sul tratto ligure di Levante e su quello emiliano, oltre i 1400-1500 su quello toscano ed umbro-marchigiano. Possibile la prima neve quindi in val d'Aveto, all'Abetone e lungo i Sibillini.

 

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum