Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Da giovedì il maltempo sarà realtà

L'anticiclone abdica a favore di una situazione depressionaria a tutte le quote; episodio di maltempo da non sottovalutare, soprattutto al centro-nord.

Sotto la lente - 1 Agosto 2006, ore 10.13

Giovedì si gira come da tradizione "L'ultima cena", quella dell'anticiclone che, dopo alcune resistenze, cederà definitivamente il passo a condizioni di tempo a tratti anche perturbato. La saccatura collegata al vortice presente sull'Europa nord-occidentale, la cui discesa sull'Italia è prevista proprio per la seconda parte della settimana, svilupperà la sua spinta massima proprio nella giornata di giovedì, con un deciso e repentino calo della pressione a tutte le quote; soprattutto a quelle medio-alte. Il minimo depressionario dovrebbe posizionarsi più o meno tra Svizzera e Germania meridionale, ma l'asse della saccatura sarà praticamente diretto quasi da nord a sud, in grado quindi di coinvolgere nella sua sferzata, gran parte del centro-nord. Solo successivamente, a partire da venerdì, il colpo di frusta procederà verso sud con le sue poco prevedibili volute. Una certa instabilità sul medio-alto Adriatico anticiperà di qualche ora l'episodio di maltempo più acuto, che invece si svilupperà a partire dalla mattina di giovedì e ad iniziare dalle regioni di nord-ovest. Più o meno rapidamente saranno coinvolte tutte le rimanenti regioni settentrionali e parte della Toscana. In serata e nella notte il maltempo abborderà la Sardegna e il medio-basso Tirreno, per poi coinvolegere nella giornata successiva gran parte del sud. Parzialmente protette dalla furia degli elementi saranno la Val d'Aosta, la Riviera di Ponente e parte del Piemonte nord-occidentale che, data la direzione del getto in quota non vedranno svilupparsi fenomeni temporaleschi imponenti ed insistenti come in altre zone del nord. Sapere cosa accadrà dal punto di vista della fenomenologia è fondamentale per mitigare l'impatto di quello che sembra, a tutt'oggi, un episodio di maltempo piuttosto serio. Si tratta di una vera e propria perturbazione, ben organizzata e ben strutturata che, sebbene rapida, avrà tutta l'energia disponibile per rovesciare letteralmente le condizioni atmosferiche precedenti. Ci sarà umidità e calore a sufficienza per fenomeni temporaleschi insistenti e localmente anche intensi. Laddove i rilievi opporrano la loro altitudine al passaggio delle correnti cariche di umidità, le precipitazioni potrebbero essere localmente abbondanti e concentrate in poco tempo. Non si escludono a ridosso delle Prealpi lombarde e delle Dolomiti, soprattutto nelle valli intercalate e nelle zone pedemontane, accumuli superiori a 50mm, con punte di 80-100mm. A seguito del passaggio del fronte e della conseguente rotazione delle correnti, a causa anche di una depressione al suolo in formazione sul Mar Ligure, nella sera e nella notte su venerdì, i temporali si concentreranno sulle pianure più orientali e sul versante nord dell'Appennino settentrionale, nonchè sul basso Piemonte. Anche in questo caso la fenomenologia potrebbe essere amplificata a ridosso dei rilievi. L'aria piuttosto fresca che si rovescerà dalle quote superiori favorirà un calo termico che, sebbene temporaneo, durante i temporali potrebbe sfiorare i 20°C! Non si esclude locale caduta di grandine, soprattutto sulle pianure, dove la spinta verso l'alto, fornita dal calore accumulato, permane per molte ore durante la giornata, ma soprattutto nella serata e nella notte. Nella notte su venerdì il maltempo investirà, a suon di temporali, prima la Sardegna quindi il medio-basso Tirreno, specie basso Lazio e Campania. Anche in questo caso la fenomenologia potrebbe essere esaltata dai rilievi, specie quelli più vicini alla costa. Parzialmente risparmiata la Toscana centro-meridionale e l'alto Lazio. Prestate dunque attenzione e seguite tutti gli aggiornamenti del caso, sia quelli relativi alle località in cui abiate, che quelle in cui siete diretti per i prossimi giorni.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum