Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Climi estremi, là dove la temperatura sale oltre i 50 gradi

Vi siete mai chiesti quale sia il territorio più caldo e arido della Terra? Ve lo diciamo noi: si trova negli Stati Uniti e si chiama non a caso "Death Valley", valle della morte. In questi giorni sta aggiornando i suoi record di caldo estremo.

Sotto la lente - 1 Luglio 2013, ore 09.19

 Pensate a quelle calde giornate estive quando soffia quel vento caldo e secco che scende magari da una catena di montagne poco lontano. In Italia questo vento prende il nome di Favonio ed ha la peculiare caratteristica di scaldare e seccare l'aria. Il risultato più noto è il classico Foehn della valle Padana, il Garbino dell'Adriatico o lo Scirocco del Palermitano.

Bene, ora prendete questa situazione favonica e fatela diventare una caratteristica quasi quotidiana. Ora aggiungete il fatto di scendere di latitudine e a fermarci in piena fascia climatica subtropicale. Ecco fatto: siamo nel triangolo del caldo più rovente, una figura geometrica che racchiude entro i suoi vertici i tre Stati americani del Nevada, del Colorado e dell'Arizona.

Ora però non è tutto: caliamoci addirittura sotto il livello del mare. Proprio qui, con queste caratteristiche, si trova il luogo che ha fatto registrare la temperatura più elevata dell'intero Pianeta. Il valore record è, tra l'altro, anche storia piuttosto recente, essendo stato registrato con certezza strumentale nel 2005 ed è di ben +54°C. Ma attenzione: è proprio di questi giorni un probabile aggiornamento della temperatura massima mai registrata: si tratta di +56,7C. Il dato è ancora da vagliare e se fosse omologato si tratterebbe del valore pi elevato mai registrato sulla Terra. quale sarà mai questa località così inospitale?

Più che di una località in particolare stiamo parlando di una valle, la valle della morte, ben nota agli Americani come "Death Valley". Siamo in pieno deserto del Mojave, là dove gli scherzi della Tettonica a Zolle hanno scavato una fenditura che scende ben 86 metri al di sotto del livello del mare.

La valle della morte non fa solo registrare temperature record, una media tra 45 e 50 gradi da maggio a settembre, con tassi medi di umidità intorno al 5%, ma anche valori di piovosità annuale praticamente irrilevanti. Pensate che mediamente sulla zona cadono tra i 3 e i 5 millimetri di pioggia all'anno! E quando piove il deserto può cambiar volto per alcune ore, con la sabbia che fiorisce. Per il resto possiamo trovare i resti di antichi laghi, identificabili traminte distese di sale simili a neve.

Ma perchè tutto questo secco? Ve lo abbiamo accennato all'inizio: la zona si trova sotto il tiro quasi costante delle correnti occidentali provenienti dall'oceano Pacifico, le quali sono costrette a scavalcare l'imponente barriera delle Montagne Rocciose provocando una permanente situazione favonica subtropicale.

Sono zone particolarmente suggestive, perfino protette tramite l'istituzione di un Parco Nazionale. Naturalmente possono essere visitate solo in alcuni periodi dell'anno e, durante l'estate, solamente durante la notte, quando la secchezza estrema dell'atmosfera favorisce una estrema escursione termica e quindi valori termici notturni sopportabili. 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum