Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cambio della guardia sulla Russia

Si prepara la configurazione invernale più classica; ma non verremo coinvolti minimamente da questa evoluzione? Cerchiamo di capire cosa potrà succedere

Sotto la lente - 25 Novembre 2002, ore 11.14

Abbiamo già parlato in un altro articolo dell’anticiclone dinamico presente attualmente sull’Europa orientale e parte della Russia, accennando al fatto che entro 3-4 giorni si sarebbe ritirato verso il Mar Nero. Questo permetterà a parte della depressione “Victoria” di transitare sulla Russia Bianca, risucchiando aria gelida da nord e portando un anticiclone termico ad espandersi rapidamente, fino a coprire entro il prossimo fine settimana la Finlandia, la Carelia e buona parte della Russia. Di conseguenza i venti di Burian spazzeranno parte della Russia settentrionale, portando la colonnina di mercurio a valori che risulterebbero sotto la norma anche per gli abitanti di questa zona! Il nuovo protagonista sarà quindi l’“Orso siberiano”, che una volta uscito dal letargo rimarrà per diversi giorni sul posto, tenendosi stretto il suo baluardo verso l’Europa. Per sopravvivere però avrà bisogno di continui rifornimenti di aria fredda alle basse quote, possibile solamente rimanendo collegato attraverso un “cordone ombelicale” alle steppe siberiane più remote. Sotto questo punto di vista sembra che non ci siano problemi, almeno fino a domenica prossima; successivamente però le perturbazioni atlantiche, costrette a viaggiare a latitudini artiche, potrebbero transitare sulla Nuova Zemlja e la Russia settentrionale, spezzando questo collegamento vitale e condannando l’Orso ad una graduale ritirata. Fatto sta che con questa analisi stiamo andando verso il lunghissimo termine, un terreno minato sia per i modelli matematici che per i previsori; è preferibile attendere qualche giorno per capire se effettivamente l’anticiclone si comporterà come previsto. Se riuscisse a rimanere in prossimità dell’Europa ancora a lungo, non sarebbe inverosimile sperare in uno “spunto di vitalità” dell’anticiclone delle Azzorre ( i modelli danno questa ipotesi come plausibile) che spingendosi verso nord potrebbe unirsi al suo “collega” russo in un abbraccio che riverserebbe i venti di Burian verso l’Europa centrale. Chi ama il freddo secco, accentuato da una Bora che “taglia” la pelle, speri quindi nella clemenza delle perturbazioni atlantiche verso l’anticiclone termico; nel frattempo continueremo a sorbirci lo Scirocco, anche se entro pochi giorni le correnti atlantiche più temperate avranno il sopravvento.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.02: A12 Genova-Rosignano

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Genova Nervi (Km. 11,5) e Genova Est (Km. 4,2) in direzione Gen..…

h 21.56: A15 Parma-La Spezia

coda rallentamento

Code per 2 km causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Berceto (Km. 51) e Svincolo..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum