Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Caldo record acque atlantiche e piogge record in Europa: c'è un nesso?

Prima le elevate temperature registrate la scorsa estate sulle acque atlantiche al largo degli USA, dopo le abbondanti precipitazioni che a partire da settembre hanno interessato gran parte dell'Europa. Allo studio un possibile legame.

Sotto la lente - 30 Aprile 2013, ore 09.10

Per ora abbiamo i dati: nel 2012, tra la primavera e il mese di settembre, le temperature delle acque superficiali dell'oceano Atlantico hanno fatto registrare un record di temperatura, primo anche a quello avvenuto nel lontano 1951. Le acque poste lungo la costa orientale degli Stati Uniti, e in particolare nel settore al largo del golfo del Maine fino al capo Hatteras, North Carolina sono risultate più calde di 1,6°C rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

Una piscina calda che, secondo alcuni importanti studi tra i quali quello condotto nell'ambito del programma Ecosystem Assessment Program (EAP) dello Science Center in collaborazione con la NOAA, ha già avuto conseguenze a livello della fauna ittica della zona e nella produzione di plancton.

L'evento ha poi immesso in atmosfera notevoli quantitativi di umidità che sono stati catturati dalla circolazione delle medie latitudini. A partire dal mese di settembre 2012, in seguito al rimescolamento occorso per il passaggio dell'uragano Sandy, le temperature in quel tratto di oceano sono poi calate, fino a scendere al di sotto della media. Frattanto la maggior evaporazione lungo i tratti centrali dell'Atlantico sono stati catturati dalla circolazione delle medie latitudini.

Da qui il maggior potenziale di energia disponibile per lo sviluppo di nubi e precipitazioni proiettato verso il suolo europeo. Ecco una possibile causa del surplus di piogge che si segnala proprio a partire dall'autunno 2012 anche su diverse zone dell'Italia e che prosegue anche oggi. Basta osservare la mappa delle anomalie pluviometriche fornita dalla NOAA e riferita allo scarto rispetto alla media delle precipitazioni tra gennaio e marzo.

Le piogge sono diffusamente più abbondanti della norma su tutti i Paesi posti lungo il Mediterraneo e sino ai settori orientali europei. Per contro tempo più secco si registra alle latitudini medio-alte, a ulteriore testimonianza di una anomala traiettoria prevalente del carico di umidità portato in seno alle fascia delle correnti perturbate, forse proprio in seguito a quella eclatante anomalia pregressa dell'Atlantico..


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum