Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Caldo africano: perchè? Cosa accade in questi casi?

Quando si eleva l'alta pressione dal nord Africa l'estate italiana diventa rovente. Cosa spinge il grande anticiclone a invadere le nostre sponde del Mediterraneo e quali sono le conseguenze che questa manovra apporta?

Sotto la lente - 26 Maggio 2011, ore 09.48

Non sempre è la protagonista delle nostre estati ma quando lo diventa son dolori. Stiamo parlando della famigerata figura anticiclonica nord-africana. Ma cosa spinge all'improvviso questa bolla di aria rovente ad attraversare il Mare Nostrum e a raggiungerre i suoli dell'Europa? Diverse sono le cause sinottiche che regolano la posizione dell'alta nord-africana.

1) Una prima è da ricercarsi nella circolazione generale dell'atmosfera, che comprende in questo caso anche le vicende della meteorologia tropicale. La posizione e l'intensità del Monsone estivo dell'Africa occidentale risulta in questo caso determinante, poichè la sua spinta dinamica dall'Atlantico verso il deserto sahariano provoca lo spostamento verso nord della circolazione subsidente subtropicale (in altre parole la banda anticiclonica subtropicale).

Quest'ultima viene poi lavorata dalle anomalie termiche che si riscontrano sul Mediterraneo e sull'Europa, le quali tendono a smorzare, rinforzare o semplicemente deviare la campana anticiclonica su determinati settori piuttosto che su altri.

2) Una seconda causa è di tipo prettamente sinottico e trae origine dalle ondulazioni delle onde planetarie delle medie latitudini, le quali viaggiano da ovest verso est contrapponendo cavi d'onda (depressioni) a creste d'onda (anticicloni). Qualora un asse di saccatura affondi dal nord Atlantico verso la penisola Iberica o ancor più fin sul Marocco, ecco subito la controspinta dinamica opposta dall'alta nord-africana, la quale risale a ovest della saccatura per ripristinare l'equilibrio dinamico alterato.

Dobbiamo anche tenere presente che le cause di cui al punto 1 sono quelle che apportano periodi anticiclonici più feroci e prolungati, soprattutto laddove l'alta nord-africana sia spalleggiata da quella delle Azzorre. Le situazioni di cui al punto 2 risultano a volte parimenti intense, ma complessivamente più brevi poichè strutturate da promontori anticiclonici di tipo mobile.

In uno o nell'altro caso dovremo comunque attenderci aria molto calda estratta a forza dai roventi deserti nord-africani. L'aria in origine è molto secca, ma attraversando il Mediterraneo si carica di umidità spingendosi sul nostro Paese tramite venti meridionali e apportandovi condizioni di tempo non solo molto caldo a tutte le quote, ma anche afoso. Va da sè la situazione di disagio cui si accompagna nella stagione estiva a questo tipo di configurazione e i conseguenti appellativi da noi coniati appositamente e che spaziano da "mostro africano", a "gobbo di Algeri"e a tutto quant'altro la fantasia del momento ci suggerisce. 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum