Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriverà il freddo verso la fine del mese?

Una serie di eventi atmosferici potrebbe portare all'arrivo di masse d'aria fredda sulla nostra Penisola nell'ultima settimana di novembre.

Sotto la lente - 14 Novembre 2003, ore 11.29

Nei prossimi giorni la temperatura sulle nostre regioni andrà lentamente aumentando, grazie ai venti meridionali umidi e miti, ma soprattutto a causa della graduale affermazione di un campo di alta pressione dinamico, che porterà tempo buono al centro-sud e sui rilievi settentrionali a partire da lunedì o martedì; solo la Sardegna continuerà ad essere investita da qualche banco nuvoloso, così come la Pianura Padana, dove si formeranno nebbie dense. Quanto durerà questa fase di mitezza? Non possiamo ancora calcolare con certezza quando le temperature torneranno a diminuire, tuttavia i modelli matematici ci mostrano alcuni “segnali” che potrebbero far pensare ad un brusco cambiamento del tempo verso la fine del mese sull’Europa. Per capire di cosa stiamo parlando occorre partire da lontano, dal cuore degli Stati Uniti, dove è previsto l’arrivo di una perturbazione nella giornata di martedì prossimo; questo corpo nuvoloso molto intenso sarà in grado di richiamare sul suo bordo orientale una corrente calda dal Golfo del Messico, che porterà all’irrobustimento di un campo di alta pressione sull’Atlantico occidentale. L’anticiclone si allungherà gradualmente verso la Groenlandia nella seconda parte della prossima settimana (fra il 20 ed il 23 novembre), dove aggancerà un blocco di aria gelida, che verrà spinto gradualmente verso sud grazie anche alla costante presenza della depressione oceanica fra il Mare di Norvegia e la Scandinavia; pertanto verso l’ultima settimana del mese è probabile che questa massa di aria fredda possa investire l’Europa e l’Italia. In definitiva stiamo parlando di una catena di eventi molto complessa, che è ben lungi dal verificarsi; tuttavia continueremo a monitorare costantemente l’evolversi della situazione sia sull’Europa che sull’Atlantico e l’America del Nord, per poi informarvi sull’eventuale sviluppo di tutte le figure bariche citate.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum