Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A volte possono ripetersi, l'intensa NEVICATA del primo marzo 1986 sul nord Italia

Mese di transizione, marzo spesso ha esordito sul nostro Paese con prepotenti colpi di coda dell'inverno. Memorabile la nevicata che nel 1986 imbiancò gran parte del nord Italia fino in pianura.

Sotto la lente - 27 Febbraio 2013, ore 09.00

Anche se può sembrare strano, le vicende meteorologiche che noi percepiamo sono il prodotto finale di una serie di innumerevoli e complessi fattori concomitanti che tendono a incastrarsi in un determinato modo piuttosto che in un altro. Questo avvenne anche in quel lontano marzo del 1986 quando, dopo una immobilità atmosferica durata circa una settimana, i tasselli del "puzzle" iniziarono a dislocarsi velocemente, ognuno al proprio posto e nel DNA del cielo andò componendosi la parola NEVE.

Una possente struttura di alta pressione abbracciava negli ultimi giorni di febbraio una vasta porzione del continente europeo dall'Islanda ai Balcani. Lungo il bordo meridionale di questo imenso lago stabile (e molto freddo) scorreva lentamente il gelido respiro proveniente dalle pianure innevate dell'est europeo il quale si portava come una pericolosa lama di ghiaccio sulle nostre regioni settentrionali. Il fiume freddo andava poi a confluire in una depressione sul Portogallo, anch'essa parcheggiata in attesa di instruzioni.

Ebbene proprio alla viglia della primavera meteorologica qualcosa si mosse e il vortice iberico iniziò la sua manovra di avvicinamento alla nostra Penisola. I contrasti si fecero subito alquanto accesi. Il punto nevralgico lungo il quale le correnti fredde balcaniche provenienti da est e quelle molto più miti nord-africane che sopraggiungevano da sud-est si fronteggiavano aveva posto il suo quartier generale al di sopra del nord Italia.

La notte sul 1°marzo l'aria fredda insisteva a rotolare silenziosa sulla pianura Padana mentre in altitudine andava progressivamente a sovrapporsi il respiro sciroccale tiepido e carico di umidità. Il cielo si copri velocemente e la neve non esitò a fare la sua ultima comparsa dell'anno, imbiancando anche le pianure. Quell'esordio di primavera segnò un risveglio bianco per molte città. Le prime ad accorgersi della sorpresa fuori dalle finestre furono Milano e Torino, forti dei loro -2°C. In mattinata piccole pallottoline nevose presero a scendere sempre più fitte anche a Novar e Bergamo mentre Genova partiva con una pioggia gelata al limite degli 0°C.

Nel pomeriggio la svolta. Si rovescia l'aria fredda dalle quote superiori e i fiocchi imbiancano gran parte della pianura Padana, comprese, Venezia e Bologna. La tramontana scura fa miracoli ed ecco grandi fiocchi anche su Genova. L'impianto depressionario nel frattempo gira a pieno regime e la macchina perturbata aspira aria dal nord-Africa spargendo poi sulle nostre regioni centrali la sabbia raccolta sul deserto libico. Al sud invece scirocco, mareggiate e temperature miti furono tutti ingranaggi dello stesso meccanismo, quello che quel giorno decise di fare nevicare al nord.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum