Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

"Klaus” si staglia con tutta la sua imponenza sull’Europa centro-occidentale

La spettacolare perturbazione atlantica collegata alla profonda depressione in prossimità del Golfo di Biscaglia, ha già raggiunto con il fronte caldo le nostre regioni; da domattina faremo i conti con il fronte freddo.

Sotto la lente - 31 Ottobre 2003, ore 10.23

Scirocco teso da qualche ora sulla costa toscana, l’alto Lazio e l’Appennino centro-settentrionale, a causa del recente passaggio del fronte caldo appartenente all’esteso sistema frontale direttamente collegato alla depressione “Klaus”, che adesso ha il suo centro motore in prossimità del Golfo di Biscaglia. La grande depressione atlantica, che ha cominciato ad interessare le nostre regioni in queste ultime ore, ha raggiunto nella nottata scorsa il suo culmine, arrivando a segnare ben 968 hPa nel suo “occhio”; è normale quindi che i venti che accompagnano la depressione si rivelino intensi su gran parte del territorio inglobato nelle sue “spire”. Ad esempio sulle Baleari, le coste mediterranee della Spagna e sul litorale appartenente al Golfo del Leone, le raffiche di vento tiepido ed umido raggiungono agevolmente i 45/50 km/h, portando così la temperatura a sfiorare i 20-22°C; al contrario sulla Francia centro-occidentale, sulla Spagna atlantica ed il Portogallo, venti forti ma freschi oceanici, fanno scendere la colonnina di mercurio fino a 6-7°C nelle zone più interne, fino a 12,13°C sulla costa. In poche parole la formazione di una depressione così profonda è pienamente giustificata dall’intenso contrasto che si è venuto a creare fra due masse d’aria dalle caratteristiche termiche così differenti. Per quanto riguarda l’Italia però cosa si può dire? Innanzitutto va notato come il fronte freddo della perturbazione sia disteso fra Spagna e Francia da nord-est verso sud-ovest; questo fa sì che le correnti calde (presenti e molto violente anche in quota), taglino perpendicolarmente la catena pirenaica, generando dei “disturbi” lungo la linea frontale. Questi disturbi si traducono nella formazione di piccole onde frontali (quei piccoli rami disegnati in rosso, quindi di tipo caldo, su Francia centrale e Spagna settentrionale) che poi vengono risucchiati verso nord-nordest dalla depressione stessa. Le onde che si generano danno vita a piccoli centri di bassa pressione secondari sulla Francia, che rallentano lo spostamento verso est di tutta la perturbazione, dato che provocano una graduale rotazione del sistema frontale stesso. In poche parole vogliamo dire che quando il fronte freddo comincerà ad interessare le nostre regioni (a partire dalla mattinata di sabato), sarà disposto quasi da nord a sud, una posizione che agevolerà un cospicuo ingresso di aria fredda dalla Valle del Rodano, con rischio di temporali forti su parte delle regioni tirreniche. Comunque per avere ulteriori dettagli sul tempo che farà nei prossimi giorni vi rimandiamo ai prossimi articoli previsionali.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 16.53: A50 Via Sandro Pertini incrocio Tangenziale Ovest Di Milano

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Baggio-Cusago: Via Zurigo-Zon..…

h 16.52: A14 Ancona-Pescara

coda incidente

Code per 1 km causa ripristino incidente nel tratto compreso tra San Benedetto Del Tronto (Km. 311..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum