Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

FREDDO: il russo che non ti aspetti...

L'alta pressione russo-scandinava sta iniziando a dare i suoi frutti. Un imponente muro di aria fredda, finora stazionante inerte alle alte latitudini, sta muovendo i primi passi verso il cuore dell'Europa. Da questa manovra dipenderanno le sorti dell'inverno.

Sotto la lente - 22 Gennaio 2014, ore 09.45

 Prima era la mitezza assoluta, poi è arrivato lui, l'anticiclone russo-scandinavo e l'inverno ha finalmente preso posizione sul nord Europa. Subito lassù si è andato formando un lago di aria molto fredda, che ha preso coerenza nel corso dei giorni e che ora è in procinto di essere trasportato verso il cuore del continente dalla circolazione sinottica in fase di mutamento.

E' il muro di freddo che non ti aspetti o meglio, che i modelli solitamente faticano a simulare. Proprio per questi motivi la gittata di una previsione andrebbe accorciata in presenza di masse d'aria fredda in avvicinamento, pur se è proprio in queste condizioni che si concentra l'interesse maggiore della gente.

Un muro di freddo ben saldo dunque. Guardate la mappa in figura e andate a leggere in questo articolo che temperature si registrano in questo momento al di là del "muro". Senza di quello l'inverno europeo non sarebbe mai potuto partire. La polvere pirica è pronta ora per l'innesco; questo arriverà dalla spallata dell'anticiclone delle Azzorre che andrà a stuzzicare quello russo-scandinavo. Ne conseguirà il rilascio di aria via via più fredda sul continente, passo indispensabile affinchè la stagione parta a dovere anche sull'Italia.

Sul nostro Paese la presenza di mari tiepidi e di alte catene montuose creerà turbolenza, tant'è che l'aria fredda non fluirà via liscia e regolare, ma giungerà a ondate successive. Ogni pulsazione corrisponderà ad una perturbazione e ad ogni perturbazione corrisponderà un ulteriore calo delle temperature. Il raffreddamento dei suoli è priorità assoluta. La neve sarà il passo successivo.

Da quel momento potremo dire finalmente che l'inverno c'è.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum