Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un giorno di tregua

La perturbazione che sta attraversando il nord d'Italia in queste ore é composta da nuvolosità elevata e si sta disgregando. Al centro la giornata sarà abbastanza soleggiata, al sud residui addensamenti con tendenza a miglioramento.

Prima pagina - 22 Novembre 2000, ore 07.28

Se la "frontolisi" del fronte attualmente sul nord Italia è ormai palese e la giornata trascorrerà in prevalenza asciutta, non altrettanto benevolo sarà il trattamento che riserverà al nord-ovest l'attiva perturbazione "Circe", collegata ad un minimo depressionario non particolarmente profondo ma sufficiente a provocare un sensibile peggioramento tra giovedì notte e venerdì mattina su Piemonte, Liguria e Lombardia. Venerdì poi il maltempo si estenderà rapidamente a tutte le regioni centro-settentrionali, anche se i fenomeni dovrebbero fortunatamente risultare meno intensi. In Toscana, dove comunque pioverà, non si prevedono al momento apporti precipitativi tale da far precipitare la situazione. Nevicate si avranno ovviamente sulle Alpi tra 900 e 1200 m e sull'Appenniono settentrionale oltre 1400. Sabato il maltempo avrà già abbandonato il nord, ad eccezione di qualche strascico sul NE e si concentrerà sul meridione, ove "Circe" riprenderà forza, grazie al contributo di correnti orientali piuttosto fredde. Il perno della depressione si situerà tra Calabria e Sicilia e le precipitazioni insisteranno su tutto il meridione fino a domenica pomeriggio; anzi le correnti da ENE investiranno anche le regioni del medio-adriatico, provocando precipitazioni da stau appenninico e rovesci nevosi fino a 900-1000 m sui rilievi molisani, marhigiani e abruzzesi e oltre 1300-1500 su quelli lucani e calabresi. Neve oltre 1600 m anche sull'Etna. Lunedì la figura depressionaria sprofonderà sullo Jonio attenuandosi, e a quel punto si rifarà vivo l'anticiclone delle Azzorre, che già da sabato pomeriggio aveva cominciato ad abbracciare i cieli del nord-ovest e dell'alto tirreno. Pertanto sembrerebbe deviare verso la Francia settentrionale, il Belgio e i Paesi Bassi, la nuova figura perturbata in arrivo martedì nel cuore dell'Europa. Sarà la fine di un lungo dominio atlantico sulla Penisola? La certezza ancora non c'é e soprattutto si sta mordendo le mani chi da tutto questo maltempo ha ricavato solo poche gocce d'acqua: ci riferiamo alla Sardegna orientale, alla Puglia, e a molte zone calabresi e siciliani. A costoro diciamo di pazientare: sarà quasi sicuramente l'inverno a regalarvi le maggiori sorprese idriche per i vostri campi assetati.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.56: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Rimini Sud (Km. 127,4) in uscita in direzione da Bologna dalle 08:5..…

h 08.56: A50 Via Sandro Pertini incrocio Tangenziale Ovest Di Milano

coda rallentamento

Code per 2,5 km causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli (Km...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum