Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tra nebbie, inquinamento e sole, l'Africa si fa avanti

Tra oggi e domani l'alta pressione raggiungerà il suo apice. Tra domenica e lunedì modesto passaggio perturbato al nord con qualche fenomeno sparso. Tra martedì e mercoledì temporaneo ritorno dell'alta pressione, prima del crollo forse definitivo, atteso per giovedì 26 novembre.

Prima pagina - 20 Novembre 2009, ore 07.59

LIVE: la situazione in Italia non cambia. Anche questa mattina c'è davvero poco da raccontare; un tappeto di nubi basse ricopre la Pianura Padana, dove il sole è ormai scomparso da oltre una settimana. Il gradiente barico orientale addensa poi nubi basse anche lungo il versante adriatico, fino alla Puglia, dove tra l'altro sono presenti dei banchi di nebbia. Va un po' meglio lungo il Tirreno e sulle Isole, anche se il cielo risulta sporcato anche qui da una nuvolosità medio-alta che testimonia il "fiato africano" alle quote superiori. Banchi di nebbia sono segnalati anche nelle vallate interne del centro, segnatamente nella zona di Perugia. Inutile dire che l'inquinamento sulle nostre città è ormai arrivato a valori quasi insopportabili, specie sulle pianure del nord. PROSPETTIVE DI CAMBIAMENTO: i modelli a nostra disposizione sono confortanti a riguardo, anche se la cautela è ancora d'obbligo. Tra oggi e domani l'alta pressione raggiungerà il suo culmine. In seguito potrebbe iniziare la sua dipartita, anche se la svolta vera e propria viene vista solo a partire da giovedì della settimana prossima. Manca ancora tempo, quindi. Un primo assaggio di cambiamento le regioni settentrionali lo avranno tra domenica e lunedì, quando una perturbazione debole e veloce porterà qualche precipitazione, un po' di vento ed un miglioramento della qualità dell'aria. A seguire l'alta pressione cercherà in ogni modo di chiudere i varchi perturbati, ma dovrà fare i conti con correnti atlantiche molto veloci e tenaci. Ne deriverà un cuneo anticiclonico mobile, che tra martedì e mercoledì evolverà velocemente a levante, aprendo la porta alle piogge ed alle perturbazioni da ovest. Stando alle elaborazioni odierne, questo sembra essere l'ultimo sussulto dell'alta pressione africana, prima di una sua definitiva uscita dalla scena Italiana. E IL FREDDO? Per il momento non se ne parla. Logicamente, con l'uscita di scena dell'alta pressione si potrà almeno sperare di far tornare le temperature vicine alle medie. Qualcosa potrebbe muoversi invece per la prima settimana di dicembre, ma è ancora molto presto per parlarne. OGGI E DOMANI: stabilità sulla nostra Penisola, quindi nubi basse e nebbie sulle pianure e lungo il versante adriatico. Cielo sereno o velato sul Tirreno, sulle Isole e sulle Alpi. Temperature sempre fuori norma, specie al centro-sud ed in quota. Accumulo di sostanze inquinanti a livello del suolo. DOMENICA: una debole perturbazione lambirà il nord con qualche fenomeno, un po' di vento ed un miglioramento della qualità dell'aria. Altrove ancora nessun cambiamento.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.59: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Bologna San Lazzaro (Km. 22,2) e Castel S.Pietro (Km. 38,2) in..…

h 22.48: SS131 Carlo Felice

rallentamento

Traffico rallentato, oggetti su strada a 9,321 km prima di Incrocio Florinas (Km. 193,5) in direz..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum