Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Sino a domenica mattina ancora rovesci di NEVE su medio Adriatico e meridione, freddo un po' ovunque

Si ingarbuglia invece l'evoluzione per la prossima settimana. La retrogressione del vortice freddo sembra voler dire all'alta pressione: "vade retro"; subito dopo ecco la spinta dell'Atlantico. Insomma potremmo vederne delle belle. Seguite gli aggiornamenti.

Prima pagina - 14 Febbraio 2009, ore 07.44

Il punto di Grosso CONFUSIONE: dopo aver mostrato di non temere in alcun modo i disturbi degli eventi stratosferici, mostrando sempre scenari quasi indipendenti e sorprendentemente precisi, ora i modelli, forse per la prima volta in questa lunga stagione invernale, tentennano, mandando in crisi anche i previsori. Se in effetti per ora tutto è rientrato nelle aspettative, quello che avverrà nel corso della prossima settimana potrebbe sorprenderci, soprattutto a partire da venerdì 20. Una cosa è certa: stamane l'indice AO, termometro degli umori del vortice polare sta puntando nuovamente verso il basso in maniera anche vertiginosa. Le conseguenze non tarderanno a manifestarsi in modo più netto anche nei modelli. SITUAZIONE: aria fredda seguita ad affluire sull'Italia. Una parziale attenuazione del vento, soprattutto al nord, ha consentito una vertiginosa discesa dei termometri. Sino a domattina oltretutto le regioni del medio Adriatico e del meridione saranno ancora soggette a rovesci di neve che localmente potranno raggiungere i litorali, specie su Marche ed Abruzzo. EVOLUZIONE: nel corso di domenica tendenza a temporaneo miglioramento anche al centro-sud. LUNEDI un cavo d'onda depressionario al suolo spingerà un po' di aria umida tra Spezzino, Toscana, Corsica favorendo qualche sporadico episodio nevoso sino alle basse quote. MARTEDI altra aria instabile insisterà sul medio Adriatico e al sud favorendo nuovi annuvolamenti associati a rovesci, nevosi sino a quote collinari. MERCOLEDI è attesa una generale tregua ma con l'alta pressione poco propensa ad invadere l'Italia. Una debolezza che probabilmente le costerà caro, visto che subito l'Atlantico ne approfitterà per piazzare una saccatura nel cuore del Mediterraneo già da giovedì sera. Insomma il tempo sembra suggerirci che la primavera non decollerà tanto facilmente. FREDDO: raggiungerà il suo apice domenica mattina, poi si attenuerà un po' soprattutto al nord e sulla fascia costiera, in montagna seguiterà a far freddo, soprattutto nelle ore notturne. OGGI: al nord gran sereno. Anche sulle centrali tirreniche e l'Umbria occidentale poco nuvoloso, parzialmente nuvoloso con isolati rovesci nevosi sull'est Sardegna, instabile sul resto del Paese con annuvolamenti intensi soprattutto su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, nord Sicilia, dove più probabili risulteranno i rovesci nevosi con limite sino al piano a tratti in Adriatico, in media oltre i 200m in Sicilia. Fenomeni più sporadici ma possibili su Calabria, Basilicata e zone interne campane con neve anche qui sin verso i 200-250m. Ancora venti freddi al centro-sud, più deboli al nord. A tratti ampie schiarite, specie sulle cosre campane. Temperature in lieve ulteriore flessione.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum