Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Si intensifica il FREDDO al centro-sud e nelle Alpi: venerdì medio Adriatico nel mirino della NEVE

Al nord e sulla Toscana bel tempo, altrove grande variabilità, a tratti perturbata su medio Adriatico e meridione con rovesci anche nevosi sino alle basse quote. Andrà avanti così sino a lunedì, poi al nord invece della neve dal cielo "cadrà" qualche margherita ad annunciare una breve timida fase primaverile che si estenderà gradualmente a tutto il Paese.

Prima pagina - 12 Febbraio 2009, ore 07.13

CONFERME: il centro-sud sta per vivere almeno 4 giorni di vero freddo invernale con la neve pronta ad ammantare le zone esposte alle correnti settentrionali. Fin qui tutto secondo copione. CLAMOROSO! Appare clamoroso il cambiamento di rotta modellistico per la prossima settimana che getta una pesante ombra sull'affidabilità del metodo "Spaghetti Ensemble" per la verifica delle linee di tendenza a medio-lungo termine. Mai come nei giorni scorsi infatti si stava delineando un'impressionante e rara convergenza anticipata su un possibile doppio episodio depressionario sulla Penisola, il primo avrebbe coinvolto le centrali tirreniche lunedì 16, il secondo il nord da martedì 17, tutto con probabili nevicate. I modelli probabilisti, che proprio nel lungo dovrebbero produrre le loro migliori performances hanno invece "letto" in ritardo la temporanea ma improvvisa velocizzazione della corrente a getto adeguandosi solo lentamente alle corse ufficiali deterministiche che già 24 ore prima avevano capito tutto. IMBARAZZANTE! Lo soostamento dunque tra l'emissione ufficiale data in sostanza in pasto al pubblico e quelle fatte girare con dati di inizializzazione leggermente modificati divergeva in modo imbarazzante. Qualcuno evidentemente sbagliava. Alla fine la gran massa degli spaghetti si è adeguata alla corsa "principe" del modello cancellando quei due episodi e proiettandoci da lunedì per qualche giorno, ma solo per qualche giorno, verso una breve fase primaverile nel segno di una parziale rimonta anticiclonica. Un brutto colpo per chi, e siamo in tanti, ripone spesso molta fiducia in questo metodo. CONFUSIONE: Anche stamane persiste un po' di confusione e per i previsori è davvero arduo tracciare come l'aratro un solco previsionale profondo e certo. Navighiamo a vista dunque. SITUAZIONE: un vortice freddo presente sul centro Europa invia correnti fredde e a tratti umide verso le nostre regioni. Il baluardo alpino protegge il settentrione e la disposizione delle correnti risparmia anche la Toscana, sul resto della Penisola si manifesta una grande variabilità a tratti perturbata con ulteriore graduale calo termico e nevicate a quote sempre più basse in Appennino, specie su Marche, Abruzzo, Molise, Calabria e nord Sicilia. EVOLUZIONE: la spinta dell'aria fredda si esaurirà non prima di lunedì quando il progressivo rialzo della pressione sul centro Europa finirà per interromperne gradualmente l'afflusso. Fino ad allora il freddo e il vento risulteranno protagonisti su tre quarti del Paese. PROSSIMA SETTIMANA: come detto ci attendiamo una fase relativamente più stabile (Attendibilità però non superiore al 55% visti i chiari di luna modellistici) e gradualmente più mite ma ancora con corpi nuvolosi che raggiungeranno le Alpi portando neve però solo sui versanti esteri. Sarà la Valpadana la zona che farà probabilmente segnare le temperature diurne più elevate d'Italia tra martedì e giovedì. In seguito scarsa predicibilità. OGGI: al nord cielo limpido e azzurro salvo modesti addensamenti passeggeri, lungo i crinali di confine nuvoloso e qualche fiocco di neve alternato a schiarite. Al centro bello in Toscana, uncerto altrove ma con schiarite anche ampie su Lazio, Sardegna ed Umbria occidentale, nel pomeriggio formazione di cumuli con qualche rovescio nevoso in Appennino e soprattutto sul basso Lazio e la Sardegna orientale, nevoso sino a quote collinari. Su Umbria orientale, Marche ed Abruzzo nuvoloso con rovesci sparsi, nevosi sin verso i 400-500m in ulteriore abbassamento in serata e nella notte. Al sud tempo instabile con cielo spesso caotico, qualche rovescio o temporale, alternato a schiarite. Limite della neve sui 600-700m ma con limite in calo sin sui 400m sul Molise e sino in collina altrove. Fenomeni più probabili su Molise, Calabria tirrenica, nord Sicilia. Temperature in calo, specie dal pomeriggio. Ventilazione sostenuta settentrionale.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum