Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Rischio ALLUVIONALE sempre più elevato su alcune zone del nord Italia

Edizione straordinaria: la situazione meteorologica in prospettiva si fa preoccupante su alcune zone del nord Italia, anche se per ora il livello dei fiumi è sotto controllo.

Prima pagina - 14 Novembre 2002, ore 14.00

L'attiva depressione atlantica "Elisabeth" sta influenzando il tempo sull’Italia provocando piogge localmente intense al nord. La tenace resistenza di una zona anticiclonica sul sud-est dell’Europa ha favorito l’insorgenza di correnti meridionali intense che già oggi hanno provocato seri problemi di navigazione, venti tempestosi soprattutto sulle Alpi e un aumento della temperatura soprattutto al centro e al sud, dove su alcune zone sembra di essere tornati in estate. Risalendo verso nord invece le correnti si umidificano ed impattano contro la catena alpina provocando una tipica e temibile situazione di “sbarramento” sul versante meridionale delle Alpi, con conseguenti piogge copiose su gran parte del nord sino a domenica e Favonio sui versanti svizzeri ed austriaci. L’aria tiepida attesterà il limite delle nevicate attorno i 1700 m ad ovest e sui 2000-2200 sui restanti settori alpini e questo certamente contribuirà ad accumulare una notevole quantità d’acqua nell’alveo di fiumi e torrenti. Solo nella giornata di sabato è previsto l’afflusso di aria più fresca con quota neve in calo fin verso i 1500 m. Le piogge più insistenti e preoccupanti da questa notte sino a domenica mattina potrebbero registrarsi sull’alto Piemonte: Ossola, Eporediese, Canavese, Alto Tanaro, Val Sesia, Verbano, Valle Anzasca con accumuli di pioggia prossimi ai 300 mm con possibili allagamenti e ondate di piena. A seguire sull’alta Lombardia: Comasco, Varesotto, Val Ganna, Milanese, bergamasca, Franciacorta, Val Seriana, Brembana, Serina, Val Camonica con accumuli sino a 200-250 mm. Situazione da tenere sotto controllo anche sul basso Trentino: nella zona del Garda e nella Vallagarina. L'Adige andrà costantemente monitorato. Pericolo anche sull’alto Veneto: Lessini, bellunese e vicentino; sull’alto Friuli: Carnia, Tarvisiano, opportuno monitoraggio Livenza e Tagliamento. Accumuli previsti nelle zone montane e pedemontane sino a 200 mm. In Liguria fenomeni intensi sono attesi in Val Polcevera e nella Valle del Turchino nel Genovesato e piogge battenti nel savonese. Una menzione importante anche per l’alta Toscana, soprattutto per la giornata di sabato: Garfagnana, Lunigiana, Apuane e Versilia saranno le zone maggiormente coinvolte dai fenomeni. Sabato l’antagonismo tra le due figure bariche andrà smorzandosi, le piogge si sposteranno allora verso le regioni centrali e domenica probabilmente raggiungeranno attenuate il meridione, a partire da Campania e Molise, dove risulteranno frequenti le manifestazioni temporalesche. Al nord nel contempo si registrerà un graduale miglioramento a partire dal settore occidentale.

Autore : Alessio Grosso e Geologa Sofia Fabbri

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.25: A13 Bologna-Padova

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Ferrara Nord (Km. 41,9) e Occhiobello (Km. 49,1) in entra..…

h 05.22: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code causa operazioni doganali nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Monte Olimpino (Km. 39,4) e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum