Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Notti di sudore e giornate infuocate

Gravi incendi in Liguria, situazione disastrosa in Portogallo. Oggi qualche locale temporale pomeridiano su Alpi, Appennini, zone interne sicule e sarde, per il resto sole e tanto caldo. Andrà avanti così almeno sino a FERRAGOSTO, quando sembra possibile una certa rinfrescata. Nei prossimi giorni potranno essere tranquillamente superati i 40°C. Turismo: alcune disdette al mare, boom della montagna.

Prima pagina - 8 Agosto 2003, ore 07.18

COMMENTO E' una situazione davvero difficile quella che stiamo vivendo sul nostro Paese e che coinvolge molte regioni europee. Il termometro nei prossimi giorni potrà ancora raggiungere e superare i 40°C. Non sarà certamente una bella esperienza per chi è rimasto in città, ma non lo è altrettanto per chi cerca sulla spiaggia brezze improbabili ed è costretto a stare perennemente a mollo in mare per sfuggire alla calura. La struttura anticiclonica è ancora magistralmente sorretta da una massa d'aria calda e stabile in lenta discesa verso il suolo. Questo movimento impedisce la formazione di corpi nuvolosi. Il grande riscaldamento favorisce tuttavia la crescita di qualche nube cumuliforme, segnatamente in montagna, in grado di apportare qualche isolato rovescio temporalesco. Nulla di più! Intanto qualcuno, spaventato dal gran caldo, ha disdetto la vacanza al mare, prenotando in montagna. NEWS: numerosi gli incendi scoppiati in Liguria tra Savona e Genova, dove sono state sgombrate 300 persone. Letteralmente devastato il Portogallo. COSA CI ASPETTA? Un gran caldo anche nei prossimi giorni, almeno sino a Ferragosto. L'ipotesi di una rinfrescata in coincidenza della Festa dell'Assunta è ancora suffragata dalle carte e noi la confermiamo volentieri. Vedremo comunque di essere più precisi al riguardo nei prossimi articoli. OGGI CI SARANNO TEMPORALI? Ieri qualche rovescio temporalesco non è mancato sul Lazio e sulla Toscana, così come sull'arco alpino. Una leggera attività temporalesca coinvolgerà oggi le isole maggiori, riproponendosi anche sull'Appennino e sulle Alpi. Le temperature resteranno molto elevate con valori compresi tra 34 e 40°C. WEEK-END: Molto sole ovunque, solita lieve attività temporalesca in montagna nelle ore pomeridiane e serali ma che non disturberà i vacanzieri. I GIORNI PIU CALDI: Tra domenica e martedì vivremo la fase probabilmente più dura dell'intera stagione con punte anche superiori ai 40°C in diverse località e minime di 30°C nelle grandi aree urbane. Davvero un cocktail di fuoco. IL DISCORSO DEL MONSONE Si parla tanto di monsone africano. Vorremmo ricordare che sul Sahel questa é la stagione delle piogge. Le piogge sul Sahel, Africa sub-sahariana, si concentrano proprio tra giugno e settembre, con un picco ad agosto. E' dunque normale che stia piovendo in quelle zone. Come riportato in un recente articolo su MeteoLive, d'improvviso le piogge cessarono su quelle zone all'inizio degli anni 70, provocando una grave e lunga carestia. All'origine ci fu un grosso disboscamento e una non meglio specificata "fluttuazione climatica". Nessuno ha mai dimostrato alcun collegamento con la situazione delle nostre latitudini attraverso studi approfonditi, non esistono pubblicazioni in merito. Negli anni 60, quando laggiù pioveva, l'estate italiana, pur tra episodi molto caldi, non aveva mai assunto le caratteristiche di quella attuale, eccezionalmente longeva. Agosto è per il Sahel il mese più piovoso. Non c'è alcuna anomalia in questo. Se attribuissimo questo caldo alle normali piogge africane dovremmo chiederci perchè l'Italia non si sia desertificata negli anni 50 e 60 quando sul Sahel pioveva a dirotto. Avremmo dunque dovuto inanellare una ventina di stagione estive a dir poco roventi, invece questo non è accaduto. Perchè? Qualcuno sostiene che sia stato il riscaldamento indotto dai gas serra ad alterare la situazione. In altre parole se negli anni 60 quel sistema era in equilibrio, ora non lo è più per colpa del riscaldamento globale ed era forse meglio che nel Sahel continuasse a non piovere..(!!!???) La verità è che i "professoroni" cercano a tutti i costi di motivare la situazione per fare bella mostra di sè in tv; in realtà la vera ragione sfugge all'intelletto umano, probabilmente perchè non tutto si può spiegare. (Leggere a tal proposito la teoria del caos).

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum