Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le ultimissime dalla redazione: per il modello americano "terremoto" barico entro metà mese

Aggiornamento scatenato del modello americano che promette freddo e neve su molte zone d' Italia durante la seconda decade del mese.

Prima pagina - 30 Novembre 2015, ore 12.04

Secondo l'ultimo aggiornamento del modello americano l'anticiclone resterà con noi sino al 10-11 dicembre, poi cederà il passo a situazioni decisamente più invernali.

Innanzitutto la nuova emissione torna sulla piccola goccia fredda dell'Immacolata che, secondo il modello, dovrebbe portare un po' di movimento sui cieli del nord e forse qualche precipitazione in Liguria tra venerdì 4 e sabato 5, poi rovesci al centro e sulla Sardegna e infine colmarsi nei pressi dell'isolotto de La Galita entro domenica 6.

Subito dopo l'anticiclone si sbilancerebbe un po' verso il nord Europa, consentendo ad un nucleo di aria gelida di scivolare sull'est europeo e di infilarsi sulle nostre regioni centro-meridionali tra giovedì 10 e venerdì 11 dicembre.

La massa d'aria fredda non riuscirebbe a mettere radici giacché ostacolata da una corrente a getto da ovest ancora troppo tesa che favorirebbe il coricamento verso levante della figura di alta pressione con porta sbattuta in faccia al freddo.

A quel punto però comincerebbe anche l'implosione dell'alta pressione che finirebbe per tornare a piazzare i suoi massimi in Atlantico, lasciando spazio al vivace affondo di una saccatura artica per il 13-14 del mese.

Un primo impulso da nord-ovest ripulirebbe l'aria un po' ovunque, il secondo, più deciso, finirebbe per portare anche la neve in pianura sul settentrione entro mercoledì 16 dicembre.

Attendibilità? Media 55% sull'irrequietezza e la dinamicità prevista per la seconda decade del mese, sui dettagli di questo o di quell'affondo freddo molto bassa (25-30%), trattandosi oltretutto di una situazione molto difficile da inquadrare.

Il modello americano però non crede in una performance anticiclonica che duri a lungo e rilancia la possibilità di affondi artici, a cui il modello europeo crede meno, pur lasciando intendere anch'esso un cambiamento in seconda decade.


 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 06.35: A1 Diramazione Roma Sud

coda

Code causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Svincolo Di Torrenova (Km. 17,1) e..…

h 06.31: A14 Ancona-Pescara

coda incidente

Code per 1 km causa incidente nel tratto compreso tra Grottammare (Km. 301,7) e Pedaso (Km. 288,1)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum