Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le piogge autunnali stenteranno a manifestarsi, intanto si scopre che l'Italia è uno dei Paesi che si sta scaldando di più sul Pianeta

L'Italia ultra-vulnerabile ai cambiamenti climatici. Le piogge autunnali non si vedono all'orizzonte. Intanto week-end abbastanza soleggiato, tra martedì e mercoledì saremo sfiorati da un nuovo vortice freddo ma con fenomeni modesti e relegati alle estreme regioni orientali.

Prima pagina - 8 Settembre 2007, ore 07.52

SITUAZIONE: si è esaurita l'azione del primo vortice freddo di stampo decisamente autunnale che si è portato dal nord Europa verso i Balcani coinvolgendo temporaneamente le nostre regioni adriatiche. L'alta pressione non appare ancora determinata a chiudere la porta all'aria fredda e allora un secondo vortice ci sfiorerà tra martedì e mercoledì scivolando poi sull'est europeo. Vivremo così un nuovo moderato calo termico e sulle regioni di nord-est ed in Adriatico sarà anche possibile qualche temporale passeggero. EVOLUZIONE: da mercoledì sera gradualmente l'alta pressione si porterà in posizione protettiva sul nostro Paese distendendosi lungo i paralleli dell'Europa centrale. In quota verrà altresì supportata da un cuneo anticiclonico di matrice subtropicale e per qualche giorno, forse più di qualche giorno, vivremo una parentesi estiva, che qui abbiamo ribattezzato PES, piccola estate settembrina. PIOGGE AUTUNNALI: non si vedono per ora, come succede ormai sempre più spesso in Italia. Speriamo la situazione possa sbloccarsi dopo la metà del mese. OGGI e DOMANI: a parte qualche addensamento al sud e lungo il versante adriatico con sporadici rovesci in Appennino e su Molise e Puglia, il tempo si manterrà abbastanza soleggiato e mite. Attenuazione graduale del vento da nord al centro-sud. PREOCCUPANTE Un rapporto del Cnr illustra cosa stia accadendo al clima italiano: Le temperature sono aumentate di un grado in 100 anni (1865-2003), valore più alto di quello medio registrato su scala globale, che è di 0,74 gradi /100 anni (dati Ipcc dal 1906 al 2005). IMPORTANTE PRECISAZIONE "Bisogna considerare comunque anche la collocazione delle stazioni - ha spiegato Michele Colacino del Cnr - che in passato era alle periferie delle città, mentre oggi, come a Roma, è in pieno centro"; ONDATE DI CALORE: Significativo l'aumento delle ondate di calore, decisamente in crescita: il numero dei giorni 'caldi' registrati nei mesi estivi, da giugno a settembre, è passato dal 10% del decennio 1960-1970 al 40% del decennio 1990-2000. PRECIPITAZIONI: La valutazione è complessa. Considerando gli ultimi 150 anni, la variazione non è statisticamente significativa, mentre valutando gli ultimi 50-60 anni, l'ammontare delle piogge risulta fortemente ridotto. Nell'Italia meridionale piove il 12-13 per cento in meno, in quella settentrionale la diminuzione è compresa tra 8 e 10 per cento. Si riducono le precipitazioni leggere (meno di 20 mm al giorno) e aumentano quelle intense (maggiori di 70 mm/g). Con minore risorse di acqua e maggiore rischio di frane e alluvioni. Sempre sul fronte delle precipitazioni, secondo prime analisi nell'area del Centro Italia, dai trend passati risulta un aumento significativo nella frequenza di eventi di grandine e scenari futuri mostrano che la probabilità annuale di eventi di grandine sembrano in crescita, specie in primavera; RISCALDAMENTO DELLE ACQUE DEI LAGHI: Negli ultimi 50 anni, in particolare dalla metà degli anni '80, la stabilita' della massa d'acqua del Lago Maggiore è aumentata sensibilmente e si sono ridotte le profondità raggiunte dal rimescolamento invernale. In particolare, è aumentata la temperatura di tutta la colonna d'acqua: nel 1956 era di 5,8 gradi, nel '63 e' stata di 5,9 gradi e nel 1979 di 6 gradi. Nel 2006 la temperatura ha segnato 6,22 gradi.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum