Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le grandi perturbazioni non affondano verso sud, l'inverno resta oltralpe

Fine settimana a tratti nuvoloso, ma con pochi fenomeni e con clima mite per la stagione. L'aria fredda stenterà a raggiungere il Mediterraneo anche nei prossimi giorni. Unica eccezione forse giovedì 14, ma si tratterà solo di una fugace comparsa. Non mancherà comunque qualche pioggia, specie lunedì 11 al centro-nord e tra giovedì 14 e venerdì 15 in movimento dal nord verso le altre regioni.

Prima pagina - 10 Dicembre 2011, ore 05.52

ALTA PRESSIONE UN INCUBO: in qualunque stagione l'alta pressione, anche quando non comanda direttamente le operazioni, riesce ad essere determinante per il tempo del Paese, dirottando a nord delle Alpi le perturbazioni senza concedergli la penetrazione nel Mediterraneo. In più il fronte polare rimane di suo troppo alto di latitudine per influenzare in modo diretto l'Italia. E' questa una pesante anomalia che ci trasciniamo ormai da un trentennio e che condiziona gran parte dell'anno ma soprattutto il periodo autunnale ed invernale. Certo, ci sono stati anni di vacche grasse, con l'alta pressione alle corde e le perturbazioni che viaggiavano decisamente più a sud, ma sono state molte di più le fasi come quella attuale.

INVERNO ANCORA LATITANTE: difficile che la situazione possa sbloccarsi sino a Natale. Non mancherà qualche effimero momento più freddo ma i modelli tendono a sottovalutare la forza dell'anticiclone e a sovrastimare la forza e l'incisività delle saccature. Ci segnalano così peggioramenti e irruzioni di aria fredda che vengono poi puntualmente ridimensionati o addirittura cancellati, come è stato il caso di questo Ponte dell'Immacolata, in cui a lungo si è cullato il sogno di una fase invernale più netta, che non ha trovato poi alcuna conferma nei fatti. Hanno gioito solo limitate zone dell'arco alpino.

PROSPETTIVA: un tempo variabile, solo a tratti moderatamente perturbato ci accompagnerà nel corso della prossima settimana, consegnandoci un pacchetto d'aria fredda intorno a giovedì 14, subito spazzato via da una corrente d'aria mite in arrivo da ovest per i giorni successivi. Al momento sembra però possibile che domenica 18 una perturbazione possa sfondare nel Mediterraneo portando pioggia e neve sino a quote medie. Al suo seguito un'altra breve incursione fredda da nord potrebbe dare finalmente l'idea di vivere qualche momento invernale più in linea con la tradizione natalizia.

IN SINTESI: 
OGGI: molta nuvolaglia, ma anche un po' di sole sui versanti adriatici e qua e là anche al nord, specie nelle Alpi. Qualche piovasco non è escluso sui versanti tirrenici centrali, specie sulla Toscana. Le temperature tenderanno a mantenersi miti, facendo segnare oltretutto un aumento anche vistoso nelle Alpi.

DOMANI: situazione molto simile, ma qualche temporanea schiarita in più sui versanti orientali e al nord, specie in montagna. Dalla sera nubi in progressivo aumento su tutto il centro-nord. Tempo migliore al sud. Temperature quasi invariate.

LUNEDI: passaggio piovoso al nord e al centro con piogge più importanti tra Liguria di levante, Toscana, est Lombardia e Triveneto e qualche nevicata sulle Alpi a quote variabili tra 800m ad ovest e 1300m circa altrove.Al sud nuvolaglia ma assenza di fenomeni. Temperature in lieve calo.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum