Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La Sfera é ottimista: si va verso la normalità

Le correnti da ovest stanno assumendo una piega consueta

Prima pagina - 21 Novembre 2000, ore 12.22

I passaggi perturbati che stanno caratterizzando la parte finale del mese di Novembre rientrano nella norma, se prescindiamo dal fatto che quest'anno si sono presentati con una cadenza decisamente più incalzante e con precipitazioni mediamente più abbondanti del normale, dovute a blocchi anticiclonici ostinati. Non c'é dunque da stupirsi troppo, nè da chiamare in causa il solito effetto serra, il riscaldamento globale e tutti i piagnistei televisivi che si sentono dopo ogni temporale più forte del solito. E' innegabile che la temperatura del pianeta si stia riscaldando ma é altrettanto vero che l'argomento è ormai talmente inflazionato che serve quasi da parafulmine contro le nostre responsabilità e indifferenze; ecco, come direbbe il buon Caroselli, ci siamo mangiati tutto il tempo a disposizione, e allora acceleriamo. Si va verso la normalità, dicevamo, e cosa ce lo fa pensare? Innanzitutto la leggera modifica della circolazione a tutte le quote che non ci mostra più le depressioni che affondano verso l'Africa ma sono più rapide e dirette verso il Mediterraneo con direzione WNW, ESE. Questo asse barico, spostato ed inclinato rispetto a prima di qualche centinaia di km con un motore ben delineato che si é messo a dialogare con l'alta delle Azzorre, sarà la chiave di volta del tempo dei prossimi 7-10 giorni. Basta innanzitutto con "l'alito" africano sul centro-sud, l'aria fredda post-frontale assicurerà un trend di temperature volto sempre di più a rientrare nella norma stagionale e le nevicate ad ogni fronte freddo si avvicineranno sempre più alle pianure del nord-ovest, primo indizio di un ulteriore raffreddamento su tutta la Penisola. La cosa avverrà lentamente ma inesorabilmente e l'anticiclone delle Azzorre, darà una mano lanciando promontori mobili pronti ad innescare un rovesciamento d'aria fredda subito dopo il passaggio d'ogni fronte. Intanto sulle Alpi la neve è caduta abbondante e questo basta a rendere felice l'Italia del turismo invernale: dal 1996 non si ricordava un novembre così promettente. Ma allora cosa diavolo accadrà nei prossimi giorni? Riassumendo: flusso occidentale con onde perturbate e transito associato di mini-depressioni, alternate a semi-onde anticicloniche della durata di 12-24 ore. Quanto durerà questa altalena? Forse a lungo e non é detto che per fine mese Pianura Padana e Appennino centro-settentrionale non possano vedere i fiocchi bianchi che molti attendono. Intanto week-end con il passaggio numero 1, lunedì sera passaggio numero 2 con temperature sempre più fresche, mercoledì sera perturbazione numero 3: interessata da NW a SE quasi tutta la Penisola, ma data la bizzarria dei modelli attendiamo domani per fornire nuovi particolari.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.13: A14 Bologna-Ancona

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km. 14,4) e Allacciamento R..…

h 05.10: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Trezzo (Km. 160,6) e Cavenago (Km. 152,1) in direzione Milano..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum