Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'anticiclone per Natale? Un bluff, ma anche le correnti da ovest potrebbero diventarlo...

Cosa non quadra nelle previsioni per Natale e fine anno?

Prima pagina - 19 Dicembre 2017, ore 11.18

L'anticiclone natalizio, la granitica certezza statistica dei modelli, è già sulla via del tramonto, ridotto ad una comparsa di poche ore, essenzialmente al centro e al sud.

E' il classico bluff modellistico, che è bastato aspettare qualche giorno, per veder smantellato.
Ora resta da capire se anche le correnti perturbate atlantiche lo saranno perché il flusso occidentale, altro punto di forza statistico dei modelli per il periodo di Natale, in linea con il compattamento del vortice polare, sembra anch'esso accusare qualche serio problema.

Perché? Molto semplicemente perché il vortice polare non è quello degli anni scorsi e non si allinea con il gemello del piano superiore, cioè quello stratosferico. Cosa vuol dire non è quello degli anni scorsi? In pratica il compattamento mostrato da quella palla blu di ghiaccio che si vede nel grande nord dell'emisfero boreale, è punzecchiata da diversi disturbi di aria mite, che vorrebbero minarne la struttura.

Il modello europeo ci propone un'iniezione di aria mite in arrivo dal Pacifico verso la fine dell'anno, pronta ad inserirsi come una lama e a frazionare parzialmente il vortice polare.

Il modello americano vede anch'esso questo disturbo ma non sembra attribuirgli molto peso; se scaviamo però in altre emissioni ad esso connesse si vede non solo questo disturbo ma anche altri, che finirebbero per minare la stabilità del vortice stesso e per spingere verso di noi rami del vortice polare carichi di freddo.

Anche volendo tralasciare questa visione così estrema, i disturbi che dovrebbero manifestarsi all'interno di questa massa gelida, potrebbero comunque determinare un fine anno e un inizio di gennaio molto meno scontato e banale di quanto non ci mostrino oggi i modelli, perlomeno dinamico e con ingerenze anticicloniche molto modeste e limitate nel tempo e nello spazio.

Qualcuno ci chiederà? Ma non c'è davvero alcun segnale nel lungo termine di un collegamento tra onda pacifica mite e onda atlantica mite per favorire l'isolamento di un ramo del vortice polare in Europa e l'arrivo di un gennaio gelido?

Si, qualcuna c'è, pochine, una ve la mostriamo qui sopra nella terza immagine, ma come detto, non dobbiamo per forza cercare un evento estremo per sperimentare dinamicità e un tempo invernale sul nostro territorio, basterebbero ondulazioni importanti nel letto delle correnti atlantiche e un vortice polare disturbato nel comparto siberiano.

E allora, in sintesi? Allora rimaniamo con due punti fermi: Natale con un anticiclone "schiappa", un potenziale passaggio perturbato un po' mite tra il 27 ed il 29, e opzioni apertissime per fine anno ed inizio gennaio, tutte da vivere e da seguire.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.37: A11 Firenze-Pisa

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Chiesina Uzzanese (Km. 46,4) e Altopascio (Km. 49,3) in direzio..…

h 11.37: A1 Milano-Bologna

blocco incidente

Traffico bloccato causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo Di Binasco (Km. 8,1) e Melegnano..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum