Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

INQUINAMENTO alle stelle al nord e niente pioggia sino a domenica

Situazione allarmante su gran parte della Valpadana. Forse tra domenica e lunedì qualche rovescio e un discreto ricambio d'aria.

Prima pagina - 18 Ottobre 2017, ore 10.52

Fa meno caldo rispetto ai giorni scorsi, ma l'aria resta immobile, il cielo sporco, qua e là è comparsa anche qualche nebbia, ma il problema resta il solito di sempre: niente vento e pioggia col binocolo. Così l'inquinamento monta alle stelle e non si sa più cosa fare per contrastarlo, se non bandire per sempre il traffico automobilistico, utopia assoluta.

E allora si continua a rischiare il cancro ogni giorno nelle città del nord. Le polveri sottili (Pm10) hanno superato i limiti di legge, con una concentrazione oltre i 50 microgrammi per metro cubo al giorno per più giorni consecutivi, tanto che diversi Comuni stanno adottando provvedimenti d'emergenza. Sono le cosiddette "misure di primo livello" che, come stabilito dall’accordo del "bacino padano" (firmato in estate dal ministero dell’Ambiente con Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto per l’adozione di misure omogenee contro le polveri sottili), prendono il via dopo il quarto giorno consecutivo di sforamento dei limiti di Pm10.

In EMILIA ROMAGNA nei Comuni di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Carpi (Mo), Castelfranco Emilia (Mo), Formigine (Mo), Sassuolo (Mo), Ferrara e Cento (Fe) è previsto il blocco della circolazione per i veicoli diesel fino all’Euro 4 compreso (in aggiunta al blocco dei veicoli più inquinanti già operativo dal 1° ottobre); l’abbassamento del riscaldamento fino a un massimo di 19°C (+2 di tolleranza) nelle case, negli uffici, nei luoghi per la attività ricreative o di culto, nelle attività commerciali, nelle attività sportive, e fino a 17°C (+2 di tolleranza) nelle sedi di attività industriali e artigianali. Vietate inoltre accendere fuochi all'aperto!

A MILANO stop ai veicoli più inquinanti e niente riscaldamento, anche se chi ha la sua caldaia autonoma sicuramente farà "spallucce"
. Il commento del sindaco Sala è lo stesso dei suoi predecessori da Tognoli sino ad Albertini, sino a Pisapia: "servono misure a lungo termine". Bella scoperta.
 
TORINO preso invece un provvedimento interessante ma che sta creando molte polemiche. Se non caleranno i livelli delle polveri sottili, venerdì si fermeranno anche gli Euro 5 diesel. Che nel Torinese vuol dire complessivamente mezzo milione di veicoli. 

VENETO
dal 16 ottobre 2017 il valore limite giornaliero delle concentrazioni delle polveri inquinanti sia stato superato per più di 35 giorni in tutti i capoluoghi del Veneto a eccezione di Belluno e Verona (35 superamenti da inizio anno). Si evidenzia un peggioramento della situazione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando il limite giornaliero non era stato superato per più di 35 giorni in nessuna centralina. Dati preoccupanti, che vedono la provincia di Padova tra le prime a livello di sforamenti.

DOMENICA 22 potrebbe arrivare qualche rovescio, seguito da un importante rinforzo del vento, è già una buona notizia, ma nei giorni successivi ripartirà il solito "concertino" delle polveri sottili.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum