Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ecco le conseguenze di un inverno autunnale perturbato: metrate di neve sulle Alpi, frane e alluvioni al nord e in Toscana

Mitezza e precipitazioni da record, persino temporali e grandine al settentrione, ora però i fenomeni si localizzeranno al centro e su parte del sud sino a martedì. Mercoledì tregua, tra giovedì e venerdì nuovo peggioramento con neve sino a quote collinari al nord e fiocchi sino ad 800-1000m sull'Appennino centrale. Sabato ancora instabile al centro-sud, ma migliora, gradualmente più freddo ovunque.

Prima pagina - 20 Gennaio 2014, ore 07.49

Le incredibili immagini di Foppolo (BG) in alta Val Brembana, dopo le abbondantissime nevicate delle ultime 72 ore.
CONSEGUENZE ATTESE
: l'insistenza del maltempo di tipo autunnale durante il fine settimana sul nord Italia ha portato conseguenze devastanti su un territorio già martoriato da piogge abbondantissime a partire dallo scorso Natale. Non solo frane, esondazioni di fiumi e torrenti, metri di neve sulle Alpi dalle quote medie ma anche grandinate e temporali come se fosse già primavera. Stridente il paragone con il nord delle Alpi, dove bastava superare il Gottardo in Svizzera per non trovare più traccia di neve. Notevole anche la differenza con il centro-sud del Paese, dove comunque i temporali stanno arrivando e sono stati peraltro già annunciati da fenomeni intensi su Toscana e parte del Lazio. Il vento di Scirocco ha creato disagi al centro-sud. Ora l'aria fredda tenderà gradualmente a guadagnare terreno sul centro Europa e poi anche nel Mediterraneo, per una fine di gennaio decisamente movimentata e con probabili nevicate a quote basse.

Altre immagini degli accumuli nevosi incredibili presenti sulle Alpi, qui siamo nella zona di Madesimo (SO).
NORMALITA':
come già anticipato da giovedì 23 il tempo diverrà gradualmente più vicino alla normalità invernale a partire dal nord. Ulteriori affondi perturbati interverranno nel corso della prossima settimana, con depressioni in formazione e altre situazioni invernali sull'Italia con probabili nevicate a bassa quota. Con l'inizio di febbraio riprenderà probabilmente la grande corsa delle correnti atlantiche ma con ulteriori affondi depressionari in sede mediterranea. Insomma, alle precipitazioni ora si accompagnerà anche un minimo sindacale di freddo. 

La foto del giorno: il fulmine che ha colpito la statua del Cristo a Rio de Janeiro, troncandogli un dito della mano.
SITUAZIONE: una depressione coinvolge il Mediterraneo centrale e dunque anche gran parte del nostro Paese, dispensando instabilità con rovesci e temporali, segnatamente al centro e sul basso Tirreno, ma in estensione anche al resto del meridione. Al nord tendenza a temporaneo miglioramento.

EVOLUZIONE: martedì ancora tempo molto instabile al centro-sud con diverse situazioni temporalesche, in gran parte asciutto e con schiarite al nord. Mercoledì tregua generale, ma ingresso di aria un po' più fredda al nord, specie in quota. Tra giovedì 23 e venerdì 24 nuovo affondo depressionario sull'Italia e maltempo quasi ovunque, al nord limite della neve in calo sino a 400-500m, fiocchi anche a 800m sull'Appennino centrale. 

FINE SETTIMANA: ancora tanta variabilità ma con maggiori schiarite e fenomeni localizzati al centro-sud, pur a carattere sparso. Temperature in lieve calo, specie al centro-sud. 

ULTIMA SETTIMANA di GENNAIO: l'avvezione calda diretta dalle Aleutine al Polo probabilmente non risulterà così rilevante come si prospettava ma risulterà sufficiente per innescare un'ondulazione delle correnti atlantiche favorevoli ad affondare almeno in parte e temporaneamente verso il Mediterraneo. Ne conseguirà un primo guasto tra il 28 ed il 31 e a seguire, dopo una pausa, altri affondi durante la prima decade di febbraio.

OGGI: al nord nuvolosità irregolare ma solo con fenomeni sporadici e con locali schiarite. Al centro instabile con rovesci e temporali anche forti, associati a grandinate locali, specie su Sardegna e regioni tirreniche. Al sud peggiora su Campania e basso TIrreno con rovesci e temporali sparsi, variabile altrove con schiarite ma con rovesci in arrivo a carattere sparso nel pomeriggio o in serata. Temperature in lieve calo al centro-sud, in lieve rialzo al nord.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum