Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Da metà mese l'inverno tornerà a recitare un ruolo da protagonista

Intanto risveglio nebbioso in Valpadana ma il fenomeno andrà gradualmente attenuandosi causa un aumento della nuvolosità. Una debole perturbazione sfiorerà DOMENICA le Alpi senza apportare alcun fenomeno significativo. Da lunedì a mercoledì ancora nubi sparse al nord, addensamenti stratiformi anche su meridione e Sicilia. Da venerdì 14 probabile calo delle temperature...

Prima pagina - 8 Gennaio 2005, ore 07.45

NEBBIA La nebbia è tornata ad avvolgere la Valpadana dopo aver a lungo latitato. Ha riproposto, anche se per poco, scenari invernali quasi dimenticati in pianura, con formazione di brina e galaverna. La nebbia però non gode di molta simpatia ed è spesso additata come la principale responsabile di incidenti più o meno gravi sulle strade, non ultimo quello di Crevalcore. Ci si chiede però: se ogni volta che c'è nebbia (e la pianura emiliana ben conosce il fenomeno) si creano i presupposti per scontri tra treni, vien meno quella sana regola di prudenza che molti italiani hanno adottato per anni: "c'è la nebbia? Lascio la macchina e prendo il treno, mi sento più sicuro...". Meditiamo, anche se come avrete intuito il discorso è molto più ampio e parte da lontano... ATTENUAZIONE DEL FENOMENO: l'aumento della nuvolosità atteso e peraltro già in atto in alcune zone della bassa Lombardia e del basso Piemonte, dovrebbe ridimensionare il fenomeno a partire dalla Valpadana occidentale. In alcune zone del Veneto e dell'Emilia è però prevista una maggiore persistenza, almeno sino al pomeriggio-sera, poi anche qui dovrebbe aumentare la nuvolosità, determinando la scomparsa della nebbia. COSA CI DOBBIAMO ASPETTARE? L'anticiclone entrerà in crisi molto lentamente. I primi segnali li vedremo già nel corso di questo fine settimana con una nuvolaglia che andrà a farsi strada dalla Liguria e l'alta Toscana verso la Valpadana provocando anche qualche pioviggine, segnale di correnti umide che precedono un corpo nuvoloso che domenica interesserà marginalmente la regione alpina ma senza provocare precipitazioni di rilievo. Questo flusso occidentale delle correnti, peraltro mite, continuerà ad interessare il nord Italia fino a metà della prossima settimana spingendo della nuvolosità tra Liguria e Valpadana, ma lasciando le Alpi nel sereno. Al centro-sud il tempo rimarrà buono sino a martedì, quando al sud si farà notare una perturbazione africana che produrrà stratificazioni e ridurrà il soleggiamento. A META' MESE ARRIVERA' IL FREDDO? L'iperattività del Vortice Polare sembra finita; cominceranno dunque a prodursi quei serpeggiamenti nelle correnti che, da venerdì 14, dovrebbero proporci un calo delle temperature su tutta L'Italia e anche qualche nevicata sull'Appennino centro-meridionale tra il 16 e il 17 del mese. Una saccatura da ovest potrebbe intervenire dal giorno 19 con risvolti tutti da seguire. PREVISIONI PER OGGI: Sabato, 08 gennaio 2005 NORD: In mattinata nebhia diffusa in Valpadana, velature sulle Alpi, nuvoloso sulla Liguria. Con il passare delle ore annuvolamenti sulle pianure causeranno il dissolvimento delle nebbie, locali piovaschi potrebbero interessare il litorale ligure, della nuvolosità stratiforme interesserà le Alpi. Temperature minime in calo in Valpadana, massime in calo specie nelle zone interessate dalla maggiore copertura nuvolosa, altrimenti stazionarie. Venti deboli meridionali con qualche rinforzo lungo le coste. CENTRO: Sulla Toscana cielo nuvoloso con qualche debole pioggia possibile su Versilia, Apuane, Garfagnana e Lunigiana. Altrove passaggio di velature e tempo discreto con sole quasi sempre presente. Attenzione alla nebbia nel primo mattino: si presenterà anche in banchi molto fitti. Temperature stazionarie su valori superiori alla media del periodo, venti deboli da ovest-sudovest. SUD: Giornata generalmente soleggiata, salvo addensamenti temporanei lungo le coste tirreniche ed isolati banchi di nebbia mattutini nelle vallate interne. Temperature gradevoli, superiori alla media del periodo. Venti deboli variabili, tranne sulla Puglia, dove insisterà una sostenuta ventilazione settentrionale. Domenica, 09 gennaio 2005 NORD: In mattinata annuvolamenti su tutti i settori, più compatti sulle pianure e sulla Liguria dove potranno verificarsi deboli piovaschi. Tendenza ad ampie schiarite sulle Alpi già dal primo pomeriggio, altrove persistenza di una certa nuvolosità ma tempo asciutto. Temperature in lieve calo in montagna, invariate altrove. Venti deboli, un po' di Libeccio sul mar ligure. CENTRO: In mattinata parziali annuvolamenti su Toscana, nord Umbria e nord Marche con isolate e deboli piogge su Versilia, Livornese, Lucchesia e Valdarno. Poco nuvoloso sulle restanti regioni. Con il passare delle ore miglioramento su tutte le regioni, anche se persisterà una residua nuvolosità sull'alta Toscana. Temperature invariate o in lieve flessione. Venti deboli da ovest sul Tirreno, da nord sull'Adriatico. SUD: Condizioni di bel tempo su tutte le regioni. Temperature invariate e sempre miti per il periodo.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum