Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ancora diffusa instabilità sulla Penisola

Oggi ancora tempo perturbato soprattutto al centro, sulla Sardegna e sulla Campania, con precipitazioni a carattere di rovescio. Precipitazioni in genere deboli interesseranno il nord, soprattutto il settore centro-orientale. Domani ancora instabilità sulla Penisola, in modo particolare sulle regioni tirreniche. A seguire il tempo probabilmente migliorerà da nord a sud.

Prima pagina - 27 Dicembre 2004, ore 08.12

LIVE: piogge, temporali e nevicate a quote anche molto basse sul nord-ovest. Questo è stato in sostanza il tempo della giornata di Santo Stefano sull'Italia. La depressione che seguivamo da giorni, come previsto, si è insediata nel Mediterraneo ed ora ha il suo "perno" poco a nord est della Corsica. Attorno a questo ipotetico centro ruotano i sistemi nuvolosi che investono in questo frangente soprattutto le regioni centrali tirreniche. Per la cronaca, segnaliamo le nevicate sulla Pianura Piemontese che si sono avute nella notte tra Natale e Santo Stefano. La neve ha imbiancato anche tutto l'arco alpino e, anche se a quote più elevate, l'Appennino settentrionale. Temporali si sono abbattuti sulla Liguria ( oltre 80mm di pioggia sono caduti a Genova), sul Lazio, sull'Umbria e sulla Campania ( oltre 100mm caduti nell'avellinese). In evidenza anche il vento forte, che ha spazzato buona parte della nostra Penisola creando problemi soprattutto al centro-sud. Insomma, un quadro di generale maltempo. EVOLUZIONE: la depressione in questione tenderà lentamente a perdere energia e a trasferirsi dal Mar Ligure verso basso Tirreno nel corso dei prossimi giorni. Di conseguenza ci attendiamo un miglioramento, che sarà più manifesto sulle regioni settentrionali nella giornata di mercoledì 29 dicembre. Nella giornata di domani un nuovo fronte perturbato tenderà ad addossarsi all'arco alpino, provocando una temporanea ripresa delle precipitazioni su parte del nord e mantenendo una diffusa instabilità altrove. A seguire l'alta pressione delle Azzorre, con la sua "longa manus", dovrebbe impedire nuovi afflussi di aria fredda sul Mediterraneo. La depressione si porterà verso il meridione, per poi morire tra la Tunisia e la Sicilia nel periodo di Capodanno. Al momento questa sembra l'evoluzione più probabile. Per saperne di più seguite tutti i nostri aggiornamenti. PREVISIONI PER LA GIORNATA ODIERNA, LUNEDI' 27 DICEMBRE Al nord qualche schiarita sulla costa ligure. Per il resto cielo in genere nuvoloso, con possibilità di piogge al più moderate, soprattutto sul settore orientale. Quota neve in rialzo, attorno a 1000-1200 metri, a quote inferiori dove saranno presenti sacche di aria fredda. In serata tendenza a generale attenuazione dei fenomeni. Temperature in aumento sul nord-ovest, stazionarie altrove. Venti ancora forti da nord est sulla Liguria, moderati altrove. Al centro tempo instabile su Lazio, Umbria, bassa Toscana e Sardegna, con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale. Possibili grandinate. Quota neve in calo sull'Appennino centrale, fino a 1000-1100 metri, occasionalmente a quote inferiori in caso di rovesci. Su Umbria orientale, Marche e Abruzzo precipitazioni più sporadiche. Temperature in diminuzione. Venti forti dai quadranti occidentali sulla Sardegna, da est sulla Toscana, da sud altrove. Mari molto mossi o agitati. Al sud ancora possibili rovesci sulla Campania. Altrove nubi in transito veloce da sud a nord, ma tempo nel complesso asciutto. Temperature in lieve calo. Venti moderati meridionali con locali rinforzi. Mari molto mossi. MARTEDI' 28 DICEMBRE Al mattino ancora possibili rovesci su Friuli Venezia Giulia, Sardegna occidentale, bassa Toscana, Lazio, Umbria occidentale, Campania, Calabria tirrenica e Sicilia. Altrove tempo nel complesso asciutto. Nel corso della giornata peggiora anche su Val d'Aosta, Lombardia, Liguria centro-orientale e alta Toscana, con possibili piogge sparse. Invariato altrove. Nevicate al di sopra degli 800-1000 metri sulle Alpi, 1000-1100 metri sull'Appennino centro-settentrionale. Venti in temporanea attenuazione sulla Liguria, in rotazione ad ovest su Sardegna e Tirreno. Mari molto mossi. MERCOLEDI' 29 DICEMBRE Al nord residue precipitazioni sull'Appennino Emiliano, nevose al di sopra degli 800 metri al mattino, in rapida attenuazione. Per il resto cielo nuvoloso, ma con schiarite ad iniziare dai settori pedemontani, in estensione al resto del settentrione entro la serata. Temperature stazionarie o in lieve calo nei valori minimi. Venti moderati. Al centro e al sud tempo ancora instabile, con piogge soprattutto su Marche e Abruzzo, in estensione alla Puglia. In giornata migliora su Toscana e Lazio. Qualche nevicata sull'Appennino centrale al di sopra degli 800 metri. Temperature in calo, venti ancora forti.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum